Balneazione, chiesta la revisione delle aree

0

VIAREGGIO – Con una lettera all’Assessore Regionale all’Ambiente, Anna Rita Bramerini, al Settore Protezione e Valorizzazione Fascia costiera ed Ambiente marino della Regione Toscana ed all’ARPAT, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Viareggio, Giovanni Giannerini, come già preannunciato ha richiesto “un attento esame della suddivisione costiera in aree omogenee al fine di permettere una maggiore graduazione delle conseguenze dell’inquinamento interno sulla balneazione”.

“L’eccezionale fenomeno d’inquinamento – si legge nella lettera – verificatosi in data 4 agosto scorso, riscontrato in occasione del campionamento effettuato da ARPAT per la verifica delle acque di balneazione nei punti di campionamento denominati “Fosso Abate Sud” e “Marco Polo” ed il conseguente divieto di balneazione esteso ad un tratto di costa di circa 2,65 km ha messo in evidenza, oltre ad una nota criticità ambientale complessa, anche una suddivisione delle aree omogenee non rispondente alle sempre più frequenti condizioni meteo climatiche particolarmente avverse come quella occorsa, che, peraltro, fortunatamente non ha memoria nei nostri ricordi. In particolare l’estensione della zona afferente al punto di campionamento “Marco Polo” è sproporzionata rispetto alle altre, ed ha reso necessario interdire la balneazione a gran parte delle spiagge antistanti la Passeggiata. La sua estensione era motivata dal fatto che da moltissimi anni il punto di prelievo suddetto non ha mai dato luogo a risultati positivi.”

“Si tratta di un atto certamente non risolutivo dei problemi – commenta il Sindaco di Viareggio, Leonardo Betti – ma che, ove dovessero perdurare per questa stagione condizioni meteo avverse, almeno ridurrebbe l’impatto di un ulteriore divieto temporaneo: ci auguriamo pertanto che tale rimodulazione avvenga in tempi brevissimi ed in tal senso ho già interloquito con l’Assessore Regionale. Quanto alla soluzione del problema a monte, l’Assessore Giannerini è impegnato per far sì che l’Accordo di Programma per la Tutela Foci Fluviali e delle Acque Marino Costiere della riviera Aupo-Versiliese, che prevede numerosi interventi per oltre 40 milioni di euro nei territori dei comuni costieri da Viareggio a Carrara e stabilisce compiti e tempi precisi, vada al più presto in porto”.

No comments

*