Betti resta in sella e azzera la Giunta

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Dimissioni? Non pare. Azzeramento della Giunta? Forse. Questo, almeno, è quello che trapela dalle segrete stanze. E il sindaco Leonardo Betti rimarrebbe in sella.  Ovviamente con una giunta  nuova. Dopo il siluramento di tre assessori, Puccetti, Augier e Servetti, le dimissioni di Caprili, adesso, in poco più di un anno, se le voci di corridoio dalla riunione a porte chiuse nella sede del Pd in via Regia di questa sera, e ancora in corso, risultassero vere si cambierebbe totalmente la scena. Ma i vertici del partito lo permetteranno? Si perchè, per “riavvicinare” Sel i “pegni” da pagare probabilmente sarebbero cari.

“Azzeramento della Giunta Betti ed allargamento con apertura a Sel o Forza Italia? Mai e poi mai – afferma Alessandro Santini – “Con questi politici incredibili ( aggettivo utilizzato nella sua massima accezione negativa = non credibili ), la loro esperienza alla guida della Città di Viareggio e’ giunta al capolinea. Devono andare tutti a casa!”

I rumors sulle dimissioni si rincorrono dall’ora di pranzo ( leggi anche: Il sindaco Betti sta per lasciare? ), visto quanto accaduto ieri all’Assise ( leggi anche: A Palazzo va in scena l’Assise senza il numero legale e L’opposizione: “Dopo questa mattina, ogni parola è superflua. Dimettetevi”). La situzione,  dal debito di 53 milioni di euro alla vicenda Carnevale, per il cui commissariamento Enrico Rossi attende sempre un nome, non è certo rosea. Senza contare la maggioranza ormai sgretolata come un castello di carte.

Ore decisive, e febbrili nel lungo summit con decisione finale: il sindaco resta, disposto a rivedere la giunta.  La città attende le decisioni definitive.

“Li mandiamo a casa un pezzo alla volta  – il commento a caldo di Max Bertoni, capogruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle di Viareggio -: “Ammettere le proprie colpe mai? Fare ammenda, chiedere scusa e andare a casa proprio no? Sarà azzerato anche il bureau dei collaboratori? (ministro della propaganda compreso) Il MoVimento 5 Stelle di Viareggio non cederà certo a queste maldestre lusinghe. Non proporremo nessun nome per la nuova giunta, di certo non vogliamo mandare persone innocenti all’ennesimo sbaraglio. L’ultima volta con 5 defezioni sono andati avanti altri sei mesi, a questo giro quale sarà l’indice di sopravvivenza?”. “Parlando di eventi passati – aggiunge Simone Traina – Tomasi di Lampedusa parla di eventi del tempo presente, ossia di uno spirito siciliano citato più volte come gattopardesco (” Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”)”.

( Foto di Iacopo Giannini )

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento