Caffè “legale” per Luca Poletti: incontro da Galliano con gli avvocati

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) –  Caffè “legale” da Galliano in Passeggiata per il candidato sindaco del Pd Luca Poletti che ha incontrato, oggi pomeriggio, gli avvocati viareggini, penalisti e civilisti. Una riunione partecipata, dove al candidato sono state poste numerose domande. “Mi sono deciso a candidarmi – ha spiegato – per amore di Viareggio”. Con un Pd diverso, con legami forti sia con la Regione che con Roma, ma quello che Poletti vuole è un contributo al suo programma, con una impostazione nuova, nonostante il dissesto. ” I conti sono stati gestiti alla carlona – è stata la battuta di Poletti – e questa deve essere un’opportunità per cambiare. La gente, che incontro ormai da giorni, mi chiede legalità e di essere coinvolta. Viareggio chiede sviluppo, e io voglio coinvolgere anche i giovani, e chiede decoro. Comprendo la sfiducia, ma ora è il momento di fare un passo avanti”. Cosa ha chiesto Poletti agli avvocati? Un supporto, soprattutto di idee. “Hai già in mente una tua squadra – ha chiesto l’avvocato Stefano Vischi al candidato sindaco. “Io chiedo che nell’amministrazione di Viareggio, la cui macchina comunale andrà ricostruita, ci siano persone competenti, e rappresentative del settore di cui dovranno occuparsi. La mia giunta ideale è quella formata da persone in cui i cittadini si possano riconoscere”. Questo, per Luca Poletti, è il legame con il territorio. “Odio gli sprechi – ha aggiunto l’avvocato Vischi -, e quello che noto è che negli anni si sono costruiti solo poltronifici”. “Le società partecipate sono state gestite senza controllo – ha risposto Poletti -: “Nelle pagine del Mef è chiaro cosa sia successo. E le indagini in corso sono la dimostrazione. Quando sarò sindaco tutto andrà rivisto nel rispetto della legalità e dei cittadini che, pagando le tasse, esigono giustamente i servizi. Le cose non vanno lasciate andare come è successo fino ad’ora”. Apprezzamenti da parte di molti degli “azzeccagarbugli” presenti, e che hanno conosciuto il candidato del Pd per il suo lavoro di presidente della Cna: significante la testimonianza dell’avvocato Tiziano Nicoletti, che proprio a Poletti si rivolse anni addietro per una consulenza sui maestri della cartapesta, e quella dell’avvocatessa Paola Palmerini, assessore al Personale nella giunta Costa che ha rimarcato la preferenza raccolta da numerosi commercianti. “La sicurezza? – la domanda viene dall’avvocatessa Tiziana Pedonese -, esiste già un progetto?”. “E’ un tema a me caro, anche se qualcuno, la destra, ne sta facendo una sua bandiera. La legalità deve essere per tutti. In primis servono più Forze dell’Ordine, e tralasciando Polizia e Carabinieri, la Polizia Municipale va riorganizzata mettendo più personale in strada. Poi ci sono territori da riconquistare da parte di tutti noi, dalla Stazione alla Pineta, per farli ritornare vivibili. Come? Aiutando chi si vuole mettere in gioco per aprire, e gestire, attività”. Dove c’è vita il crimine non attacca. “Con l’ordinanza di sgombero del Campo Rom abusivo a firma del Commissario Prefettizio – ha chiesto poi l’avvocato Bobo Genick -, e puntualmente è successo che sgomberati da via Cimarosa, i “camminanti” si siano solo spostati di qualche centinaio di metri,  come mai non sono state adottate misure alternative con politiche di integrazione?”. “La situazione di Viareggio è come quella nazionale, e va vista in termini più ampi”. E gli abusivi? Dai venditori ai parcheggitori… “Il Sociale deve funzionare in una logica di legalità. I cittadini devono sentirsi sicuri quando escono di giorno come di sera. Se sarò eletto voglio essere un sindaco popolare, e non populista, girare tra la gente, essere presente, ascoltarla e dare risposte che non siano solo parole ma fatti”. Come per il problema casa, mense scolastiche e pullmini: “Pur nel dissesto, e nel rispetto della Legge, le cose vanno fatto secondo equità”. E sul Porto? “Ho appena ricevuto una missiva dal candidato sindaco Massimiliano Baldini (  “Vista la situazione di urgenza e di grave difficoltà in cui si trova la Viareggio Porto, chiamata a fronteggiare udienza pre-fallimentare a brevissimo, e considerata l’assoluta priorità di evitare in ogni modo tale esito, altresì salvaguardando i beni pubblici dalle conseguenze di una procedura concorsuale di questo tipo, anche facendo seguito all’iniziativa avanzata dal candidato a Sindaco del PD Luca Poletti, sono a richiedere un incontro urgente con Lei ed alla presenza del Liquidatore della società e degli stessi Revisori dei Conti del Comune di Viareggio e della Viareggio Porto per conoscere ed approfondire ogni particolare riguardante la fattispecie.  L’intento è chiaramente quello di comprendere tutti i dettagli della vicenda e suggerire ogni sforzo (giuridico come di natura transattiva) che possa evitare la dichiarazione di fallimento della società”)”, ha spiegato durante l’incontro caffè, e altrettanto ha fatto Luca Poletti contattando Romeo: “Considerata la situazione di grave difficoltà in cui versa la società Viareggio Porto, chiamata tra pochi giorni ad affrontare un’udienza pre- fallimentare, ritengo che sia prioritario esperire ogni tentativo possibile per scongiurare l’esito del fallimento. Ciò allo scopo di conseguire la salvaguardia dei beni pubblici. Pertanto, d’intesa con il candidato sindaco Massimiliano Baldini, Le richiedo un incontro urgente, alla presenza del liquidatore della società e dei revisori dei conti del Comune di Viareggio, per approfondire ogni aspetto della questione. L’intento è esclusivamente quello di evitare un nuovo danno alla collettività viareggina, analizzando i dettagli della vicenda e individuando ogni azione possibile per evitare la dichiarazione di fallimento della società Viareggio Porto”.

No comments

*