“Cara Mei, nel Pd non ci sono rifiuti umani, ma solo persone libere da giochi di potere”

0

VIAREGGIO –  Sandra Mei, sospesa tra l’altro dal partito per due anni, in un post su Facebook, scrive di un “PD pieno di rifiuti” e parla di “rifiuti umani”. E la cosa, avvenuta giorni addietro sul noto social network, non è passata inosservata. In molti, a destra e manca, senza distinzioni di preferenze politiche, lo hanno letto. “Le assegno il Premio Milady 2015, e le rispondo non con altri insulti, non voglio scendere a questi livelli, ma facendo un ragionamento politico –  afferma il segretario e commissario del Pd di Viareggio, avvocato Giuseppe Dati: ” Il Partito Democratico di Viareggio sta cambiando rotta, sta procedendo a un forte rinnovamento – prosegue Dati -, è stato commissariato a ottobre, e sta lavorando da tempo a ricostruire un rapporto con la società viareggina. Ha partecipato in massa alla manifestazione per la sicurezza e la coesione sociale lanciata dopo la gravissima aggressione subita da Manuele Iacconi. Ha organizzato una “Leopoldina” al Principino, che ha riscosso un successo straordinario di partecipazione di persone esterne al partito. Ha costruito sei forum tematici, aperti ai non iscritti, che stanno lavorando anche in questi giorni al programma dei prossimi cinque anni. Ha candidato a sindaco Luca Poletti, una persona esterna alla logora logica della politica politicante, un piccolo imprenditore che conosce bene la città, i suoi problemi ma anche le sue potenzialità. E c’è una generazione di trentenni e quarantenni pronta a costituire l’ossatura del nuovo PD”. Il cambiamento, quindi, è in atto, e come precisa l’avvocato Giuseppe Dati “non a chiacchiere, ma con i fatti”. “Va detto che questo processo di rinnovamento – aggiunge il segretario e commissario del Pd-  è favorito anche dal fatto che alcune persone, che sono da anni protagoniste delle liti politiche locali, come la stessa Sandra Mei, Manuela Granaiola, Fabrizio Miracolo, Giuseppe De Stefano, hanno deciso di sostenere la candidatura di Giorgio Del Ghingaro il quale, non conoscendo Viareggio, probabilmente ignora quale propensione queste persone abbiano alle infinite liti politiche, per lo più prive di contenuti. Ho già fatto notare a Manuela Granaiola che è stata lei a volere Leonardo Betti Sindaco e poi, quando lui si è sottratto alla sua tutela, a volere la sua caduta. Ha sostenuto il commissariamento del PD ma, quando io ho lanciato la proposta di un esterno come Luca Poletti, si è posta fuori dal percorso politico del Partito Democratico, per appoggiare Del Ghingaro. Mi domando fino a quando lo appoggerà. Il nuovo PD non è pieno di rifiuti umani, ma di persone che si vogliono liberare da logiche di lotta intestina di puro potere, prive di contenuto programmatico; logiche che, per nostra fortuna, stanno approdando su altri lidi proprio perché da noi non c’è più spazio per esse”.

No comments

*