Il Carnevale secondo Pozzoli, il commissario annuncia le prime novità

0

VIAREGGIO  – (di Alberto Pardini) – Comincia tra la curiosità, ma soprattutto l’apprensione generale, l’era-Pozzoli. Nel pomeriggio di oggi il commissario ha incontrato stampa e addetti ai lavori per illustrare quali saranno le pietre prime del suo Carnevale, con una premessa: rimane tutto in stand-by fino al 20 ottobre, giorno in cui la Regione Toscana dovrà approvare la finanziaria che dovrà giocoforza contenere i contributi chiesti da Pozzoli. Diciamo i contributi – al plurale – perché sono due le tranches di pagamento chieste, una legata indissolubilmente all’altra: la prima, da un milione e duecentomila euro, destinata a chiudere la gestione passata ed evitare la liquidazione della Fondazione; la seconda, dello stesso importo, destinata all’organizzazione dell’edizione 2015. “Se non si evita la liquidazione non si fa il Carnevale 2015, se non si fa il Carnevale 2015 è inutile buttare soldi pubblici per salvare la Fondazione” è l’estrema sintesi di Pozzoli. Intanto, come da decreto di nomina, lunedì il commissario presenterà la sua relazione sulla manifestazione alla Giunta regionale.

Le revisioni di spesa. Nell’attesa della conferma del contributo regionale, conditio sine qua non per la permanenza di Pozzoli, il commissario ha iniziato a portare avanti le prime revisioni sulla spesa e i primi tagli. Come già noto il primo provvedimento avviato è quello del trasloco degli uffici della Fondazione da Palazzo delle Muse alla Cittadella, che avverrà post carnevale 2015, ma i provvedimenti di Pozzoli non si fermeranno qui: tagli a consulenze, addobbi e anche sulla cerimonia di apertura, spese della Cittadella a carico dei carristi, scambio servizi/pubblicità e una riduzione delle spese dovute al comune e partecipate per i servizi. Nel mirino di Pozzoli i costi della polizia municipale, “ho dato mandato per la valutazione della legalità degli straordinari che finora hanno fatto pagare alla Fondazione”, e della pulizia, “la spesa è eccessiva, se non troveremo un accordo non esiterò a cercare un’alternativa”. Sul fronte degli incassi si andrà principalmente ad incidere sulla biglietteria, che rappresenta il 50% degli introiti di Burlamacco, e che verrà per buona parte rivoluzionata inserendo il sistema delle prevendite, con cumulativi e biglietti a minor costo se acquistati prima del 6 gennaio e i bambini versiliesi sotto ai 12 anni con ingresso gratuito (vedi schema qui sotto). Una grossa novità sarà infine quella dell’ingresso nei circuiti online di vendita biglietti come BookingShow e TicketOne.

Biglietto ingresso

1 corso

Biglietto cumulativo

5 corsi

PREVENDITA

VENDITA

prevendita

vendita

fino a 6 anni

0

0

fino a 12 anni

10 euro

13 euro

ordinario

15 euro

18 euro

27 euro

30 euro

Forze dell’Ordine e Over 65

13 euro

15 euro

 

Salta il corso del Martedì grasso, la finale di sabato. Per l’edizione 2015 l’idea di Pozzoli è quella di chiudere una delle pagine più discusse della storia recente del Carnevale: il corso del martedì grasso, dai più definito “il corso dei viareggini”, che non ha mai brillato per presenze ma che diventava fondamentale grazie alla presenza delle telecamere della RAI. “Dobbiamo guardare al bilancio e allo spettacolo – ha motivato Pozzoli – il corso del martedì si reggeva sulla presenza della RAI, ma in termini di presenze e incassi è sempre stato decisamente poco funzionale. L’idea di base è quella di organizzare al suo posto una bella festa in Cittadella che parta dal pomeriggio fino alla sera, coinvolgendo carristi e il mondo del carnevale in generale, che possa richiamare famiglie e giovani”. “Manterremo la formula dei 5 corsi, un buon compromesso tra necessità di bilancio e spettacolo, ma il quinto corso sarà di sabato sera, con i fuochi ovviamente – prosegue il commissario – questa decisione nasce dalla volontà di spettacolarizzare la sfilata notturna che, programmata di sabato, diventerà una grande occasione di richiamo turistico. Il nuovo calendario è stato concordato con l’Amministrazione comunale e con le categorie economiche”. Non ci sarà invece lo spettacolo di apertura quest’anno, che probabilmente verrà sostituito da una piccola cerimonia prima dell’inizio del primo corso.

E la RAI? “Ho già parlato con la RAI informandoli della decisione che abbiamo preso, e torneremo a parlare con loro lunedì – racconta ancora Pozzoli – l’dea è quella di far si che la diretta crei un effetto trascinamento che porti più presenze, pertanto puntiamo a spostarla in occasione del primo corso, di modo da poter godere di un ritorno già nella stessa edizione. Abbiamo anche chiesto una presenza maggiore, e devo dire che abbiamo avuto rassicurazioni in tutti i sensi”. Più probabile però che alla fine si preferisca puntare sulla seconda uscita, visto la prima è una sorta di “prova generale”.

Nuova immagine per il Carnevale. Ovvero come vendere meglio il prodotto. La rielaborazione degli spazi commerciali all’interno del circuito, colloqui con tour operator per pacchetti di soggiorno, iniziative commerciali che portino in regalo biglietti per l’ingresso, ma anche una proposta commerciale per sponsorizzazioni più pesanti, sono alcuni dei progetti che Pozzoli ha avviato o che intende studiare nell’ottica di permettere al Carnevale di poter avere una miglior immagine commerciale e quindi, introiti che gli garantiscano una certa indipendenza dal pubblico.

Tre speranze sono quelle del Commissario: la conferma dell’arrivo dei 2,4 milioni dalla Regione, la realizzazione di una bella manifestazione (ovviamente con la collaborazione del meteo) e tempo dopo l’edizione 2015 per poter programmare il futuro della manifestazione. Proprio in tema di futuro, Pozzoli si lascia scappare l’intenzione di rimettere mano al meccanismo del Carnevale. Intanto la prossima settimana Pozzoli tornerà a Viareggio “e porterò con me i miei bambini per far vedere loro cos’è il Carnevale” ha rivelato.

Il Carnevale 2015 si farà, questo quantomeno è quello che verrebbe da dire ad oggi analizzando la situazione, a pesare in positivo su questa affermazione sono le elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale, previste per marzo/aprile, con il Governatore Enrico Rossi che è riuscito ad avere il via libera dall’ex rivale Matteo Renzi per puntare al bis e che non può permettersi di fare brutta figura, soprattutto dopo le parole e le promesse fatte nei confronti di Viareggio negli ultimi tempi. Elezioni che stanno pesando su molti aspetti amministrativi della città a partire dall’esistenza della stessa Giunta comunale, che come sappiamo ha visto il Sindaco Leonardo Betti dimettersi appena una settimana fa.

Appuntamento dunque al 20 ottobre, giorno al quale dobbiamo farci trovare non pronti, di più, perché il tempo è tiranno e al triplice colpo di cannone iniziale ad oggi mancano appena 113 giorni.

 

CORSI MASCHERATI 2015

Domenica 1 febbraio, Ore 15

1° CORSO MASCHERATO

 

Domenica 8 febbraio, Ore 15

2° CORSO MASCHERATO

 

Domenica 15 febbraio, Ore 15

3° CORSO MASCHERATO

 

Domenica 22 febbraio, Ore 15

4° CORSO MASCHERATO

 

Sabato 28 febbraio, Ore 20,30

5° CORSO MASCHERATO NOTTURNO

Proclamazione dei vincitori e Spettacolo Pirotecnico

 

EVENTO

Martedì 17 febbraio – Cittadella del Carnevale

FESTA DEL MARTEDÌ GRASSO

No comments

*