Casa a luci rosse in pieno centro, denunciata la “maitresse”

0

VIAREGGIO – Il controllo è stato effettuato, da personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Polizia di Viareggio, presso un appartamento situato in pieno centro a Viareggio, dove avevano segnalato che venivano effettuati massaggi e pratiche sessuali. In particolare il personale di Polizia, una volta suonato il campanello veniva accolto da due donne, di nazionalità cinese, che si mostravano in abiti succinti. Alla vista del tesserino di riconoscimento si è presentata la locataria dell’abitazione che ha riferito agli agenti di esercitare l’attività di meretricio e che le due ragazze erano sue ospiti. Dagli accertamenti è emerso che mentre la “padrona di casa” era in regola con il permesso di soggiorno le due “ospiti” ne erano sprovviste. Pertanto Q.X. nata nella Repubblica Popolare Cinese nel 1975, residente a Genova, è stata indagata in stato di libertà a per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina Le altre due donne sono state messe a disposizione dell’Ufficio Immigrazione che ha avviato le pratiche per l’espulsione dallo Stato.

Nel pomeriggio di ieri personale del Commissariato di Viareggio in servizio di Volante ha proceduto ad indagare in stato di libertà D.Y. ventitreenne marocchino, in Italia senza fissa dimora per il reato di furto aggravato. Alle ore 15.30 giungeva sulle linea di emergenza 113 una richiesta di intervento da parte di un dipendente del supermercato Coop di Viareggio, in quanto un uomo aveva cercato di sottrarre della merce oltrepassando le casse e le barriere antitaccheggio del negozio. Sul posto gli operatori prendevano contatti col richiedente che riferiva come, poco prima, aveva notato, il giovane che prendeva una bottiglia di liquore, indossava un giubbotto, al quale aveva strappato la placca antitaccheggio e cercava di oltrepassare le casse senza pagare quanto dovuto. Fermato dal personale del negozio, il giovane veniva consegnato ai poliziotti intervenuti che accompagnato negli uffici del Commissariato, veniva sottoposto a rilievi fotodattiloscopici e indagato in stato di libertà per furto aggravato.

 

No comments

*