Casa e emergenza abitativa, Bertola: “Devono essere realizzati nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica”

0

CAMAIORE – “Il settore sociale deve essere incentivato e migliorato, non con le parole ma con i fatti, ossia con maggiori investimenti e con la massima attenzione ai cittadini”: chiara la posizione del Candidato Sindaco Giampaolo Bertola su un tema ritenuto fondamentale per una buona Amministrazione.

“L’Amministrazione Del Dotto non ha stanziato, al di là dei proclami, maggiori investimenti nel sociale rispetto al passato: le cifre del 2017 sono in linea con quelle del 2011/2012. A parità di spesa, si sono abbassati però i servizi; ad esempio è stata abolita la possibilità di usufruire di cure termali per i cittadini delle fasce più basse, prima consentita grazie al contributo comunale – prosegue Bertola: “Il fronte più critico mi sembra quello dell’emergenza abitativa: l’edilizia residenziale pubblica è infatti ferma da 5 anni. I “nuovi alloggi” consegnati dall’Amministrazione Del Dotto non sono di nuova realizzazione, ma sono stati riassegnati perché lasciati liberi da persone decedute o che hanno modificato il loro nucleo familiare; ci risulta che ci siano in lista ancora 60-70 persone, che aspettano una casa”.

“Il mio programma relativo alle politiche per la casa – spiega il candidato – prevede anzitutto un ampliamento degli alloggi: il primo passo da fare sarà un censimento incrociato tra Comune ed ERP, per capire l’attuale situazione delle case presenti nel territorio. Dopodiché si potrà dare nuovo impulso alla realizzazione di altri alloggi, ma nello stesso tempo si provvederà anche all’attento recupero dell’esistente, per sfruttare tutto il patrimonio. Per garantire la priorità ai nostri concittadini, i criteri di accesso dovranno essere attentamente regolamentati; sarà necessario avere la residenza nel Comune di Camaiore da almeno 5 anni. Penseremo, inoltre, a sussidi e altre forme di assistenza, per ridurre il peso delle utenze domestiche e aiutare in modo concreto i tanti pensionati e le persone in difficoltà; soprattutto garantiremo una disponibilità reale e una presenza costante di tutta l’Amministrazione e dell’Assessorato al ramo in particolare, a cui potranno rivolgersi i cittadini. Attiveremo la collaborazione con le tante realtà del territorio che operano in questo campo, per poter erogare servizi sempre più completi, abbracciando tutte le fasce di età, dai più giovani agli anziani. Già dai primi mesi, ci affiancheremo con le associazioni attive nel settore, con contributi sia logistici che materiali.”

No comments

*