Case di guardianaggio: tutto regolare?

0

CAMAIORE – Case di guardianaggio: tutto regolare?

Se lo chiede il candidato sindaco Giampaolo Bertola dopo che durante l’ultima seduta del Consiglio Comunale di Camaiore, è stata approvata una Variante al Regolamento Urbanistico che consente la trasformazione in case vacanze delle case di guardianaggio all’interno degli stabilimenti balneari.

“Noi non siamo assolutamente contrari a questa variante in se stessa – spiega il Candidato Sindaco Giampaolo Bertola – Ricordo anzi che proprio sotto la mia Amministrazione fu approvato, con l’opposizione del centro – sinistra, il Piano di Utilizzo degli Arenili, che prevedeva finalmente la realizzazione di case vacanze all’intero dei bagni, possibilità fino ad allora negata. Le nostre perplessità riguardano la legittimità di questo atto, che è di fatto una modifica al P.U.A.: sono stati chiesti i necessari pareri di regolarità tecnica alla Capitaneria di Porto e alla Dogana? Non vorremmo, insomma, che questa operazione fosse l’ennesima trovata elettorale del Sindaco Del Dotto, alla spasmodica ricerca di voti; gli stabilimenti che decidessero di fare il passaggio da casa di guardianaggio a casa vacanze sarebbero poi sottoposti alla verifica degli organi competenti, che in caso di irregolarità annullerebbero gli effetti di questa Variante. Non ci opponiamo quindi alla modifica in questione, ma vogliamo essere sicuri che alla base ci sia la legittimità necessaria perché i bagni possano attuare questo passaggio non solo teoricamente ma in concreto, evitando che diventi un’altra iniziativa di fine mandato, di fatto non realizzabile e utilizzata solo per conquistare elettori.”

“La scelta dell’Amministrazione Del Dotto di consentire nell’ambito dell’attività dello stabilimento balneare l’utilizzo della casa di guardianaggio come casa vacanza, nel rispetto della relativa normativa di settore, è stata adeguatamente ponderata e valutata con tutti gli enti competenti e costituisce una misura a favore dello sviluppo turistico della nostra frazione rivierasca – replica il comune: “In Consiglio comunale siedono persone che sostengono Bertola e nessuno di loro, due settimane fa, ha sollevato dubbi o questioni. Il candidato della Rondine è dedito a gettare discredito o dubbi sull’operato di questa Amministrazione persino quando è d’accordo: siccome l’ha fatta Del Dotto allora non va bene. È la vecchia politica. A noi interessa esclusivamente il bene comune  e registriamo positivamente il fatto che sulla variante in questione, che dà risposte anche al tema del diritto alla casa, ci sia stata una convergenza trasversale in Consiglio comunale”

No comments

*