Case popolari a rischio asta, l’appello di Di Beo: “Rivolgetevi a Unione Inquilini”

0
VIAREGGIO – L’edilizia residenziale pubblica rischia la privatizzazione di massa e il suo definitivo smantellamento, questo grazie al decreto ministeriale che il Governo ha emanato e che la conferenza nazionale regioni-comuni ha ufficialmente sancito.
“Questo decreto permette la vendita all’asta, a prezzo di mercato, delle case popolari e delle case comunali; questo è uno dei più grandi attacchi allo stato sociale più povero e una violazione anticostituzionale ai diritti umani – commenta Michelangelo di Beo di Unione Inquilini -: “Il decreto non riguarda solo immobili di edilizia residenziale pubblica e comunali vuoti o fatiscenti, ma riguarda tutti i caseggiati popolari che necessitano di interventi di ristrutturazioni, che, causa deficit finanziari, gli enti gestori e i comuni, non riescono a sostenere. Questo vuol dire che andranno all’asta case popolai e comunali di assegnatari, sia in attesa nelle graduatorie, sia degli inquilini di tali immobili; a loro è riservato solo il diritto di prelazione a prezzo d’asta, questo vuol dire che non potranno mai avere la possibilità di ricomprarsi la casa in cui abitano a canone ridotto secondo i regolamenti dell’edilizia residenziale pubblica, ma che verranno addirittura sfrattati dagli acquirenti, ritrovandosi in mezzo ad una strada e senza la possibilità di sostenersi un affitto per una casa privata. Questo decreto favorisce spudoratamente la speculazione immobiliare dei grandi palazzinari e delle mulitnazionali, nonchè dei grandi proprietari di case e di enti privati. Il rischio per Viareggio aumenta là dove si utilizzi questo decreto per alienare il patrimonio pubblico immobiliare, per andare a risanare parte del debito creato proprio dalle banche, dalle partecipate e dai poteri forti. L’appello che lanciamo, è a tutti i caseggiati di case popolari, a tutti gli assegnatari futuri e agli occupanti degli immobili pubblici non popolari (case comunali non assegnate), a fin che si rechino nella nostra sede in Via Paladini 80 (Q.re Varignano), per informarsi sul rischio di attuazione di questo decreto e per preparare una mobilitazione di massa che sia preventiva ad un eventuale ratifica in legge di questo decreto con imminente attuazione per il Comune di Viareggio. Ad ogni attacco del Governo Renzi e del Partito Democratico allo stato sociale, risponderemo con barricate e lotte sempre più determinate; che i funzionari amministrativi e politici sappiano che su questo tema non esiste forma di mediazione o di trattativa; le case popolari non si vendono alla speculazione, la casa è un diritto e saremo pronti a popolare ogni tetto del quartiere popolare e non, per far sentire la nostra rabbia”.

No comments