Caso Priore, il Tribunale di Lucca accoglie il ricorso di Petruzzi: in Municipio cambia di nuovo il segretario

0

VIAREGGIO – Nuova “puntata” del caso “Priore”: il Tribunale di Lucca, in forma collegiale, giudici Giuntoli, Fornaciari e Capozzi, ha accolto il reclamo di Fabrizio Petruzzi, chiamato a sostituire la segretaria generale del Comune, silurata lo scorso anno, da ottobre a gennaio, e poi, al rientro della Priore, mandato via. “La nomina è disposta non prima di 60 giorni e non oltre 120 giorni dalla data di insediamento del sindaco e del presidente della Provincia, decorsi i quali il segretario è confermato”, è il disposto del terzo comma dell’articolo 99 del Tuel , e dal momento che la conferma di Rosa Priore è intervenuta prima dei 60 giorni previsti dalla legge, il provvedimento è stato ritenuto inesistente dai magistrati, ergo legittima la procedura che ha portato alla nomina di Petruzzi quale segretario comunale .

Il caos nel palazzo comunale fu totale, con una situazione al limite del kafkiano. Il reintegro, voluto dal giudice del lavoro, di Rosa Priore, nella carica di segreatario comunale aveva, a fine gennaio, scatenato una babele senza precedenti che, dalle parti dell’ufficio del sindaco, non era previsto ne auspicato. “In Comune – scriveva Max Bertoni del movimento 5 Stelle – regna una confusione incredibile: il Tribunale del Lavoro ha reintegrato l’ex Segretario Generale, Rosa Priore, che aveva fatto ricorso dopo essere stata confermata a luglio e cacciata a settembre con banali scuse dalla giunta Betti”. A questo punto l’attuale segretario generale, dottor Petruzzi, chiamato successivamente da Fucecchio, si trova praticamente costretto a fare un passo indietro ed a rinunciare alla carica. “Gli atti compiuti in questi mesi – si chiede il capogruppo grillino – dallo stesso Petruzzi sono validi oppure no? C’è stato un danno per la dottoressa Priore e ce ne sarà uno per il Petruzzi? Chi pagherà? Domani farò queste ed altre domande al Sindaco, che è convocato per le 13.00 in conferenza capigruppo, dedicata alla questione”. “Di certo – aggiunge Bertoni – al momento c’è solo che questa amministrazione in poco più di sette mesi di mandato ha collezionato una serie di figuracce, errori tecnico amministrativi, e meno male son tutti avvocati, passi indietro e caos, tali da far impallidire tutte le giunte precedenti, e buona parte dei governi nazionali, messe insieme”. Dato di fatto che, questa nuova puntata del “caso Priore” è un fatto senza precedenti su tutto il territorio nazionale: “E’ la prima volta nella storia repubblicana – conclude il consigliere di opposizione – che accade una cosa simile in un comune d’Italia. Tanto per sottolineare la gravità della cosa. E nel frattempo la città è ferma, la giunta immobile, le commissioni non lavorano, il Consiglio Comunale si riunisce a singhiozzo per parlare delle mozioni dell’opposizione, gli uffici sono paralizzati, smembrati e rimescolati dalla nuova macrostruttura. Non c’è una prospettiva. Quelli di prima sono andati a casa con la coda tra le gambe, questi li mandiamo a casa a piangere”. Viareggio tornerà bellissima, invece, chiese che a pagare le spese del pasticcio dei due segretari siano in solido coloro che hanno sbagliato. “L’errore – affermò Rossella Martina – della conferma-sconferma di Rosa Priore verrà a costare somme ingenti al Comune di Viareggio: spese legali, avvocati, tribunali e le richieste di danni che certamente verranno da Rosa Priore e probabilmente da Fabrizio Petruzzi, il segretario che ieri ha dovuto prendere le sue cose e andare a casa dopo aver lasciato il suo posto di segretario generale del Comune di Fucecchio per venire a coprire lo stesso ruolo a Viareggio. Un pasticcio che poteva essere evitato semplicemente leggendo il Testo Unico degli Enti Locali. Del resto che il segretario generale deve essere confermato o meno dal sindaco neo-eletto secondo una facile procedura, lo sanno bene anche i semplici consiglieri comunali o chiunque segua la politica degli enti locali da vicino. E’ una prassi a cui assistiamo dopo tutte le elezioni: il nuovo sindaco deve confermare, oppure scegliere di non confermare e quindi sostituire, il segretario generale nei tempi e nei modi previsti dal Tue. Semplice, basta leggere. Proprio per questo è inaccettabile l’errore da parte di chi è stato eletto sindaco ed è inaccettabile che le conseguenze di simile ignoranza della legge vengano pagate dai cittadini e dunque “Viareggio tornerà bellissima” chiede che tutte le spese che conseguiranno a detta vicenda vengano pagate in solido e totalmente dai responsabili di atti contrari alla legge come dimostrato dalla sentenza del Giudice del Lavoro”. Ma che ne pensò, allora, il sindaco? “Abbiamo, credo con grande senso di responsabilità, scelto di garantire continuità amministrativa e assicurare tranquillità all’Ente, accogliendo con serenità la pronunzia del Tribunale del Lavoro di Lucca che ha deciso di reintegrare la Dott.ssa Rosa Priore nel suo ruolo di Segretario Generale del Comune: a differenza di altri parti politiche, noi le sentenze della Magistratura le rispettiamo – affermò’ con tono deciso Betti, aggiungendo: “Ieri ho avuto modo di avere un lungo, concreto e franco colloquio di chiarificazione con la Dott.ssa Priore, al termine del quale posso serenamente dire che il Comune di Viareggio ha un Segretario Generale che svolgerà il suo ruolo come previsto dalla normativa vigente. Questa città ha bisogno di una Amministrazione Comunale capace ed efficace, che abbia la capacità di volare alto rispetto a questi problemi, quando è necessario per il bene della città. Con rinnovato senso di responsabilità reciproco la Dott.ssa Priore mi ha rinnovato la sua piena collaborazione, con lo spirito che ieri ci ha indotto ad incontrarci per discutere non tanto della vicenda giudiziaria, ma piuttosto dei problemi della città e dell’Ente che questa governa. Ringrazio infine Fabrizio Petruzzi, Segretario Generale fino ad ieri mattina, che in questi mesi ha dimostrato grandi capacità ed ha svolto con grande professionalità il suo ruolo”.

“Così come nella precedente vicenda di gennaio, abbiamo scelto di garantire continuità amministrativa e assicurare tranquillità all’Ente, accogliendo con altrettanta serenità la pronunzia del Tribunale del Lavoro di Lucca che ha ritenere valida e corretta la procedura di selezione del nuovo Segretario Generale del Comune individuato nella persona del Dott. Fabrizio Petruzzi.”: così il Sindaco di Viareggio, Leonardo Betti, oggi ulla notizia dell’ordinanza Tribunale di Lucca, Sez. Civile, nel procedimento 770/2014 avente ad oggetto reclamo ex art. 6690 terdecies cpc promosso dall’ex Segretario Generale del Comune di Viareggio, Fabrizio Petruzzi. “Prendo atto – commenta il primo cittadino – della decisione del collegio con la quale è stata ritenuta corretta e legittima la procedura da me indetta di nomina del nuovo Segretario Generale e con la conclusa con l’individuazione del Dott. Fabrizio Petrutti”. “Ringrazio infine – conclude il Sindaco – la dottoressa Rosa Priore, Segretario Generale fino ad oggi, per il lavoro svolto e per aver assicurato piena continuità di azione amministrativa.”

“Si illude Betti se crede di mettere la parola fine alla questione del Segretario Generale con il secondo allontanamento della Dott.sa Rosa Priore.
Si illude Betti che la questione finisca qui, anzi e’ solo all’inizio e lui e il suo entourage lo sanno benissimo, come lo sa perfettamente il Dott. Peruzzi reintegrato dal Giudice del Lavoro – commenta Alessandro Santini dalle file dell’opposizione -: ” Vedremo nuovi traslochi e tante carte bollate, denunce, ricorsi ma soprattutto richieste di pagamenti per danni subiti: il Sindaco Betti avrà il suo gran bel da fare e non sarà per niente invidiato da tutti noi. Una vicenda complicatissima quella che sta evolvendo in peggio in queste ore. Prima, appena insediato, Betti conferma la Priore, poi a settembre la caccia, ma senza nessun motivo ufficiale; arriva il nuovo Segretario Generale Peruzzi, che però a febbraio e’ costretto ad andarsene perché la Priore vince il ricorso. Peruzzi lascia ma si oppone e il Sindaco e la Giunta, guarda caso, lo appoggiano e sostengono ufficialmente: quindi Betti cacciò la Priore incolpando la Puccetti ma evidentemente condivideva tutto.  Ieri pomeriggio il Tribunale del Lavoro si pronuncia e da ragione al Dott. Peruzzi e per la seconda volta, senza ricevere spiegazioni dal prode Sindaco Betti, la Priore fa nuovamente le valige e lascia il Municipio.
Anche questa volta il Sindaco, non le da motivo di tanta rabbia nei suoi confronti, davanti ai giornalisti, sorridente, Betti ringrazia pubblicamente la Priore per il lavoro svolto. Ma allora se la ringrazia per il suo operato, perché cacciarla? Se ha lavorato bene perché non ha fatto di tutto per tenerla?
Allora Betti in questi ultimi mesi non ha detto la verità, allora Betti ha mentito con lei, allora era in piena sintonia con la Puccetti che la caccio’ come ben sappiamo con l’ avallo del Sindaco. La riprova sta nel fatto che senza dare spiegazioni, Betti non ha preso tempo, non si è opposto ed ha reso immediatamente esecutiva la sentenza del Tribunale e ha immediatamente rinominato Peruzzi. Ma cosa ha fatto di male la Dottoressa Rosa Priore?
Ce lo vuole dire Betti una volta per tutte? E’ stata una cattiva funzionaria? Non sa fare il suo lavoro? Ha rubato? Ha rivelato segreti ? Ha tradito la fiducia del Sindaco?  Possibile cacciare una persona per ben due volte nell’ arco di 10 mesi senza dare una spiegazione pubblica alla città?
Tutti poi sanno quanto Betti sia allergico a prendere una che sia una sola decisione, anzi le fa prendere sempre agli altri, invece oggi no! Oggi per la prima volta nell sua carriera di Sindaco, con piglio deciso, Betti da solo prende subito una decisone forte e storica: esegue subito la sentenza e reintegra con effetto immediato il Dott. Peruzzi, persona squisita, preparata e degnissima, sia ben chiaro che non c e’ nulla da dire sulla persona e sul professionista. Ma la cosa ha del ridicolo.  Peruzzi viene subito reintegrato, con effetti immediato, subito viene nuovamente cacciata la Priore, ma……….. attenzione! Si annulla il Consiglio Comunale convocato da giorni per le ore 19, ben sei ore dopo che la Priore e’ stata nuovamente spodestata, e per quale motivo? Perché manca il Dott. Peruzzi e il Vice Segretario.  Ma allora perché tutta questa fretta nel cacciare la Priore? Se non ha comunque fatto nulla di male, cosa c era da temere nel tenerla qualche ora in più anche per permettere il regolare svolgimento del Consiglio Comunale? Se il Sindaco non ce l’ ha per nessun motivo con la Priore, di cosa ha avuto paura da doverla subito rimuovere e sostituire subito con Peruzzi? Cosa e’ accaduto nelle ore successive alla notizia della decadenza della Priore? Qualcosa e’successo per forza, oltre al disagio e al fulmine a ciel sereno, dato che i Consiglieri Comunali sono stati avvisati ufficialmente via mail solo alle 18.30, ovvero solo mezz ora prima del Consiglio. Significa che fino all’ultimo si è tentato di farlo svolgere. Significa che qualcuno ha tentato di resistere e che un fortissimo disagio ci sia stato da parte di tutti. Significa che si è voluto mandare subito via la Priore per far fare subito il Consiglio Comunale a Peruzzi ma poi qualcosa e’ accaduto.
Nella comunicazione ufficiale per di più si da la colpa alla mancanza del Vice Segretario Strippoli, altro che non gode delle simpatie di Betti ( ma questo e’ un merito per Strippoli ) e non si fa assolutamente riferimento all’ assenza di Peruzzi che è appena stato nominato. Betti come al solito ha fatto un gran pasticcio e nel mezzo di tutta questa grande confusione c e’ il dramma personale di una donna: Rosa Priore, che in dieci mesi ha perso il suo solito posto di lavoro per ben due volte, un vero record.  A lei va la nostra solidarietà più assoluta, certi che non meritava per la seconda volta lo sgarbo e le umiliazioni che Betti e la sua Giunta le hanno riservato”.

“Forse non sono chiare al Consigliere Santini alcune cose che colgo l’occasione di spiegargli – controbatte la consigliera del Pd Elena Tozzi -:” Una sentenza è una sentenza: buona o cattiva che sia, condivisibile o non condivisibile, una sentenza va sempre rispettata. Forse lui è abituato a fare diversamente e l’Amministrazione che lui sosteneva ha dato diverse prove in tal senso: basti ricordare la sentenza su Ferragamo, che Lunardini non rispettò per ben 4 anni, costringendo l’attuale Sindaco a dichiarare un disavanzo di ben 12 milioni di euro a bilancio, come abbiamo letto oggi sui giornali, per una vicenda del 2009. Cosa doveva fare il Sindaco? Disattendere la sentenza? Fare finta di non averla ricevuta per posta elettronica certificata?  Il Sindaco ha correttamente incontrato Rosa Priore, le ha manifestato la propria gratitudine per il lavoro svolto ma le ha dovuto comunicare l’esito di una sentenza per una causa che, si badi bene, non è stata promossa dal Comune ma dal Dott. Petruzzi. Ed ha dovuto, volente o nolente, applicare quanto deciso dai giudici. E cosa doveva decidere di fare il Presidente del Consiglio Comunale? A fronte del fatto che il nuovo Segretario era in Campania per corsi di formazione e il vice segretario non era disponibile per suoi impedimenti personali, Vannucchi doveva fare comunque un Consiglio Comunale senza segretario generale, andando quindi contro ad un obbligo di legge? Consigliere Santini, si rassegni: a differenza vostra, a noi la legalità sta a cuore”.

No comments

*