Caso Veronesi, Miracolo: “Tutto falso”. Martina: “Ho i testimoni”

0

VIAREGGIO – “Il Sindaco non si sarebbe mai sognato di fare quello che sibilla Rossella Martina” . È Fabrizio Miracolo a negare quanto affermato dalla ex assessora alla Cultura di Viareggio in merito a quanto accaduto lo scorso anno alla prima di Tosca, e che cioè al maestro Alberto Veronesi fosse stato suggerito di interrompere l’opera dopo il primo atto“ ( LEGGI ANCHE:“Turandot senza sorprese”, intervista a Rossella Martina ). “Poiché ultimamente è pratica di testimonianze indirette ci dica chi avrebbe suggerito o meglio consigliato a Veronesi di interrompere Tosca – prosegue Miracolo: “Alberto Veronesi è un uomo serio e capace di autodeterminarsi al contrario di chi ha tubato con tutto l’arco costituzionale. Aggiungo che il rispetto istituzionale è doveroso soprattutto da chi ha avuto solo bene e visibilità che non avrà mai più. Cara Rossella Martina per essere protagonista ci vuole quello che dopo decine di anni di tentativi di affermazione, avresti dovuto capire che non hai : il consenso. Hai detto e scritto che ti saresti ritirata a vita privata ed ai più era sembrata un’ottima idea. Quella sera fu concomitante un tentativo di colpo di Stato in Turchia ed io ero presente alla telefonata ricevuta dal Maestro che gli annunciava un imminente pericolo per suoi familiari presenti in loco. Il Sindaco non c’entra niente. Veronesi non era in vena di festeggiare per motivi personali e condivisibili da chiunque, ma devo fermarmi qui per ovvi motivi di privacy.  E’ falso il Sindaco non sapeva nulla, non l’avrebbe mai permesso”

“Non capisco perchè l’avvocato Miracolo intervenga sull’argomento che al momento riguarda solo il sindaco e il presidente del Pucciniano Alberto Veronesi – controbatte Rossella Martina: “E’ vero che era anche lui presente (ed entusiasta dell’idea di Veronesi)  al pranzo di lavoro in cui si discusse animatamente dell’interruzione della Tosca, ma c’era anche una dozzina di altre persone che potranno dire la loro”.

Cosa disse il maestro è noto e fu ripreso in un video girato da TGregione.it in diretta:

“Gentili signore e signori, vi chiedo scusa. Chiedo scusa a questi straordinari artisti, chiedo scusa al Giacomo Puccini, non ce la faccio più a dirigere – questo la lettera letta dal palco: “Alla profonda prostrazione per i fatti terribili di Nizza, a 300 chilometri da qui, su questa costa si aggiunge la profondissima prostrazione per l’insulto alla democrazia che si è perpetrato nel Comune di Viareggio. Chi mi conosce sa che sono appassionato del mio lavoro, ho lavorato con i più grandi artisti del mondo e con le più grandi orchestre, qui a Torre del Lago ai vertici della Fondazione Pucciniana e a capo di questa orchestra da ben 17 anni. Non voglio entrare nel merito ma poichè si è ritenuto di sostituire con un Commissario Prefettizio la persona che mi ha nominato alla Presidenza di questa Fondazione, il Sindaco Giorgio Del Ghingaro, indiscusso vincitore delle scorse elezioni amministrative, in completo disaccodo con questa decisione non ho lo spirito adatto e l’entusiasmo per continuare l’esecuzione di questa sera”.

No comments

*

Salvador Dalì saluta con 45mila presenze

PIETRASANTA – 45mila visitatori per Salvador Dalì a Pietrasanta. Le sculture surrealiste e sognanti dell’eccentrico artista spagnolo salutano la Piccola Atene con il record di ...