Chiantelli torna all’attacco: “Caro Assessore ho cambiato zona, ecco altre discariche”

0

MASSAROSA – Dopo la “denuncia” di ieri,  relativa a discariche abusive, e la replica dell’assessore all’ambiente di Massarosa ( leggi anche:Discariche abusive a Massarosa, un nostro lettore immortala il “pattume) il nostro lettore, Sauro Chiantelli, torna all’attacco, scrivendo e documentando con altre immagini: “Torno con orgoglio a dimostrare all’assessore Marchetti del comune di Massarosa che tutto quello che ho dichiarato per quanto riguarda il grave problema degli scarichi abusivi non è altro che la pura verita’. Dopo discorsi sterili che ho sentito nella replica riguardante il mio articolo , e cioè , cercando l’assessora Marchetti di farsi compatire per la grande figuraccia che un un semplice cittadino ( con mansioni di consigliere di frazione ) è riuscito a fargli fare dimostrando che, a livello di ambiente, in nove mesi non è riuscita a muovere foglia , e con difficoltà anche di leggere, dal momento che ha dichiarato sulla sua replica di essere stata attaccata da un cittadino anonimo, quando invece la giornalista ha specificato chiaramente da dove veniva la fonte della protesta scrivendo il mio nome e cognome. Stamani ho cambiato zona , e mi sono recato munito sempre di macchina fotografica nei pressi del campo sportivo di Massarosa ( dove viene realizzata la tanto decantata pista ciclabile ) , poi partendo da Porto Vecchio ho percorso il tratto di strada con tanto di cartello che indica :MASSAROSA STRADE DA VIVERE , una vergogna . Ho immortalato tanti scarichi abusivi da far vergognare un comune del terso mondo . Visto che l’assessora non ha ancora capito il motivo della mia protesta, vorrei ancora una volta affrontarla e perche no , insieme a lei dimostrando quanto ho gia’ detto, che il problema scarico abusivo è per almeno il 70% costituito da materiali di natura edile ( problema che lei ha negato e che io invece ho dimostrato ) , provocato dalle inesistenti strutture che un comune virtuoso dovrebbe avere per consentire ai cittadini di poter smaltire tali materiali in discariche autorizzate , magari pagando modiche cifre ma che permetterebbero di non costringere le persone ad abbandonare rifiuti in zone paesaggistiche di rilevata importanza . Essendo membro del consiglio della mia frazione , avevo gia’ affrontato questo problema almeno due anni fa’ quando ancora come assessore all’ambiente era Damasco Rosi , che comunque anche in quel periodo il problema non fu preso molto in considerazione. Preciso che non ho mai avuto fiducia nelle capacita’ amministrative da parte dei membri del secondo mandato Mungai , e visto la giovane eta’ dell’assessore Marchetti e la poca o quasi nulla esperienza in un incarico cosi importante come l’ambiente , speravo che almeno ascoltando i consigli dei cittadini potesse servire a migliorare le sue capacità”.

 

No comments

*