“Chiedono un euro, ma vestono Levis e Adidas e hanno lo smartphone”

1

VIAREGGIO – “In via Zanardelli, a pochi passi dal supermercato Dico è in atto un vero CdA (Consiglio di Amministrazione per chi non fosse avvezzo alle sigle) di illegalità”.

14269622_10210931824481134_300562613_nLo scrive a TGregione.it, allegando le immagini, un residente della zona che aggiunge: “Davanti al discount, come davanti ad altre attività similari a Viareggio ma anche nel resto d’Italia, stazionano extracomunitari a chiedere 1€ di elemosina ai clienti, in alcuni casi in cambio di un aiuto a caricare la spesa in auto o a posizionare al posto i carrelli.  La mia domanda sorge spontanea: se io fossi costretto, per malasorte della vita, a fare questo (a chiedere l’elemosina davanti ad un supermercato) probabilmente non vestirei jeans Levis o magliette griffate, non calzerei scarpe Adidas (anche taroccati o di contrabbando che comunque costano) ma soprattutto non avrei tra le mani smartphone ultima generazione!!!! – Allora=Direte voi??? Ebbene ho le prove documentate ( vedasi foto ) che i “tizi” in questione sono ben organizzati con tanto di “dirigenti” ed “operai”… Parlo per la zona presa in esame: a mezzogiorno arriva il capo, si stabiliscono le strategie, si mangia qualcosa seduti sul marciapiede impedendo il transito dei pedoni e dopo il gruppo si scioglie lasciando ovunque immondizia e sudicio per lasciare il posto a chi farà il turno”.

1 comment

Post a new comment

*