Ciao Manu’, adesso sei in un posto dove non c’è malvagità

0

MASSAROSA  – ( di Letizia Tassinari ) –  Folla, lacrime e palloncini bianchi volati in cielo per l’ultimo saluto a Manuele Iacconi nella piccola chiesa di Piano di Mommio.

“Adesso sei in un posto dove non esiste malvagità”. Le parole, commosse, sono state quelle di monsignor Italo Castellani, il vescovo di Lucca, che ha celebrato la messa con don Brunini del Varignano, don Pietro e il priore di Camaiore, don Damiano, una volta, anni fa, parroco della parrocchia del Sacro Cuore, dove oggi pomeriggio migliaia di amici si sono voluti stringere alla famiglia del 34enne barbaramente ucciso a colpi di casco nella notte di Halloween in Darsena a Viareggio. “Con questo delitto qualcuno deve perdere il sonno” . Parole forti quelle di don Damiano. E in Chiesa, luogo sacro, la parola perdono non è stata pronunciata. Tanti i ricordi, e i pensieri, letti in chiesa tra i singhiozzi. Manu’ era un ragazzo speciale, buono, impegnato nel sociale e al tempo stesso di compagnia, con un sorriso per tutti. Chi ha ricordato i tempi di scuola, chi una gita, chi una vacanza. E poi quel pettirosso, che il giorno del suo ultimo intervento chirurgico, poche ore prima di morire, si era appoggiato sul davanzale della finestra della sua camera all’ospedale di Livorno. “Un segno – ha detto un sacerdote concelebrante. Il segno che Dio era li, con lui, come la storia di quel pettirosso che avvicinandosi al Cristo sulla croce per allievare le sue sofferenze si macchiò del suo sangue.  Una chiesa gremita, dove molti non sono potuti entrare ma hanno atteso fuori che la bara di legno chiaro uscisse sul sagrato per far volare decine di palloncini bianchi in cielo e accompagnare Manuele Iacconi nel suo ultimo viaggio al vicino cimitero. In una giornata grigia, di pioggia, un raggio di sole ha illuminato la piccola parrocchia per scaldare i cuori piangenti di chi ha perso un fratello, un figlio, un amico. Due città in lutto, Massarosa e Viareggio, con negozi chiusi e bandiere a mezz’asta. Anche quelle del Commissariato di Polizia, il cui capo dell’Anticrimine, Lucio Chelotti, colui che ha seguito l’indagine dal primo momento, era presente alle esequie. “Ciao Manuele – queste le sue parole lasciate in un post sul gruppo “Forza Manù”-: “Non ci siamo mai conosciuti, non ho mai avuto il piacere di stringerti la mano, di scambiare due chiacchiere, di fare un brindisi, di ridere di una battuta. Non ci siamo mai conosciuti ma mi sembra di conoscerti da sempre, nei ricordi dei tuoi splendidi fratelli, nell’educazione, nella compostezza, nella dignità dei tuoi genitori,, nella tristezza dei tuoi moltissimi amici Mi sembra di riconoscere, in te, tutti i bravi ragazzi che , per fortuna, ci sono ancora, quelli che hanno valori, educazione, quelli che sanno ancora divertirsi con semplicità, che si impegnano, che sanno sorridere giocando con un bambino Non sono in grado di dirti altro se non CIAO  Quando arriverai nel posto dove vanno i ragazzi splendidi come te, saluta Matteo, sono sicuro che troverete il modo di riconoscervi, perché i ragazzi splendidi si riconoscono sempre”. Tra i presenti, oltre al sindaco Mungai e tutta la sua giunta, opposizione inclusa, nessuno in veste ufficiale, anche la senatrice Manuela Granaiola e sindaci e assessori dai comuni limitrofi. Nessun labaro, il padre Stefano, la mamma Rita e i fratelli Andrea e Daniele hanno voluto che le esequie si celebrassero in forma privata.

” Grazie Manuele – ha affermato il vescovo -, per tutto quello di buono e di bello che hai fatto nel corso della tua breve esistenza terrena”. Poi il silenzio del rispetto per questa morte assurda è stato interrotto da un lungo applauso. E tutti, con un groppo in gola, non hanno potuto non piangere. Buon viaggio Manù, che la terra ti sia lieve.

Oggi è il giorno del dolore, del lutto. Ma da domani tutti si aspettano giustizia e che le due Procure, Lucca e Firenze, pm Sara Polino e Benedetta Parducci, adottino i provvedimenti cautelari per chi quella maledetta notte ha ucciso un innocente.

( foto di Iacopo Giannini )

No comments

*

Getta l’eroina nel wc, arrestato

AREZZO – Prosegue costante l’attività contro lo spaccio di sostanze stupefacenti della Sezione “Narcotici” della Squadra Mobile della Questura di Arezzo e  nel corso di ...