Circoscrizioni, da agosto si cambia

0

VIAREGGIO – Le circoscrizioni furono introdotte nell’ordinamento italiano nel 1976, recependo le istanze di decentramento espresse dai “consigli di quartiere”, organismi spontanei sorti fin dagli anni sessanta. Sono state quindi disciplinate dall’art. 13 della legge 8 giugno 1990, n. 142, sull’ordinamento delle autonomie locali, ora confluito nel D.Lgs. 267/2000. Il Governo Prodi aveva nel 2007 già usato la scure sulle circoscrizioni, riducendole a metà ma la Legge 26 marzo 2010, n. 42 ha completato l’opera, abolendole completamente nei comuni con popolazione inferiore ai 250.000 abitanti.

Quella – commenta il Sindaco di Viareggio, Leonardo Betti – fu una scelta inopportuna della politica romana: fu un errore perché allontanò il cittadino dal rapporto col quartiere ed il presidio amministrativo delle circoscrizioni dai problemi quotidiani. Sembra passata un’epoca. Oggi ci troviamo di fronte a due necessità: garantire i servizi all’utente possibilmente migliorandoli ma anche razionalizzare al meglio l’impiego delle risorse umane del Comune. Il pesante disavanzo di bilancio che abbiamo rilevato ci imporrà tutta una serie di azioni correttive e la prima di queste sarà l’alleggerimento dovuto ai cosiddetti “pre-pensionamenti” che porterà sì ad un forte risparmio ma, soprattutto, provocherà una mancanza di personale della quale dobbiamo farci carico. Ecco perché siamo chiamati a riorganizzare i diversi settori di modo da non lasciar scoperte le funzioni che dobbiamo dare all’utenza.“

E’ sulla base di queste considerazioni che una delle prime scelte, operativa da metà agosto, sarà quella di riunificare in unico stabile, gli uffici della pubblica istruzione di modo garantire unicità all’utente per i servizi che alla stessa fanno riferimento (fino ad oggi decentrati in diversi uffici e nelle circoscrizioni). In secondo luogo, dopo alcuni confronti coi dipendenti, sarà chiusa la Circoscrizione Marco Polo portando i dipendenti nel Palazzo Comunale a gestire i servizi demografici. Tenendo conto, infatti, che all’anno, l’ufficio del comune centrale svolge 43.000 pratiche fra anagrafe e stato civile, contro le 200 pratiche all’anno svolte dalla Circoscrizione Marco Polo, è parso che incrementare il personale nella sede centrale (che ne ha forte bisogno) fosse la scelta più saggia.

L’esigenza di personale – annuncia il Vicesindaco ed Assessore al Personale, Chiara Romanini – è però tale per cui anche le altre circoscrizioni (Viareggio Nuova e Darsena) subiranno delle diminuzioni di servizio. Innanzitutto per Viareggio Nuova (250 pratiche anagrafiche all’anno) abbiamo scelto di mantenere 3 giorni di servizio alla Circoscrizione e spostare, gli altri giorni della settimana, i lavoratori nella sede centrale a supporto degli uffici che subiranno diminuzione di personale. Scelta diversa per la Darsena- Ex Campo D’Aviazione dove manterremo aperto per tre giorni alla settimana il servizio anagrafico e quello di stato civile mentre delocalizzeremo in via Parri l’ufficio statistica e toponomastica, cosicché nei due giorni di chiusura al pubblico i lavoratori svolgeranno pratiche per tutto il Comune. Torre del Lago, che ha vita a sé e mantiene un importante carico di lavoro, rimarrà aperta come oggi offrendo gli stessi servizi svolti fino a ora.”

Preme ringraziare i dipendenti comunali – conclude il Vicesindaco – per la volontà dimostrata nella gestione di questo passaggio nonché la disponibilità a cambiare totalmente le proprie quotidiane abitudini ed a garantire la massima efficienza nei servizi resi alla città.”

No comments

*