Colpi in villa: la Polizia cattura il ladro

0

FORTE DEI MARMI –  Preso. E a dare un volto e un nome almeno ad uno dei fantomatici ladri che notte tempo calano su Forte dei Marmi mettendo a segno colpi nelle ville, saccheggiando tutto quello che trovano, sono stati gli uomini del Commissariato di Polizia diretto dal vice questore aggiunto Enrico Parrini. Per contrastare il fenomeno che affligge tutto il territorio nazionale, il Questore di Lucca, Claudio Cracovia, ha dato il massimo impulso e priorità ai servizi di controllo del territorio nella provincia di Lucca. E il risultato di oggi ne è la prova.

I malviventi, oltre a prendere i contanti custoditi  nei portafogli e nelle borse, a volte somme considerevoli, come pochi soldi,  gli orologi  di lusso ed oggetti di grande marca, come borse  ed anche scarpe,  spesso si allontanano a bordo di potenti autovetture, dopo averne preso le chiavi. Già nei giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato erano arrivati alle costole delle varie bande di predatori che  di notte agiscono con senso di impunità, recuperando auto rubate ed inseguendoli (questo l’articolo del 25 luglio: Inseguimento da film a Forte dei Marmi, ma i ladri .. ). Proprio in queste ultime ore la volante della Polizia di Stato, nel corso del servizio di pattugliamento, ha individuato nella centrale Via Duca degli Abruzzi, una BMW serie 5 regolarmente parcheggiata. Le targhe  apposte sulla vettura  sono  state subito riconosciute  come rubate su una altra auto, una Yaris, pochi giorni prima proprio a Forte dei Marmi, in zona Vittoria Apuana.

unnamed1

Gli agenti di polizia hanno immediatamente compreso che una banda di ladri era in azione proprio in quel momento; il motore dell’auto era ancora caldo e i poliziotti si sono nascosti nei pressi, dando l’allarme alla sala operativa del Commissariato. Dopo poco alcuni agenti in abiti civili hanno raggiunto i colleghi. Nel corso dell’appostamento i ladri hanno visitato alcune ville tra Via Duca degli Abruzzi, Via Agnelli e Via Battisti, in molti casi effettuando solo dei tentativi,  per la presenza dei proprietari ancora svegli o per gli allarmi che sono scattati al loro passaggio.  Dopo due ore e mezzo di attesa, finalmente,  all’auto sono arrivati tre individui e gli agenti sono intervenuti, prima che i malviventi potessero salire a bordo della macchina. Uno dei tre è stato catturato dopo una rapida colluttazione, mentre due riuscivano a saltare oltre le siepi di una villa e a dileguarsi nei giardini.

L’uomo bloccato è un giovane di appena 18 anni, di nazionalità albanese, privo di permesso di soggiorno ed incensurato.  La Polizia ha trovato in suo possesso un marsupio con attrezzi da scasso:  cacciaviti, grimaldelli, un trapano a mano e dei ferretti per aprire le persiane. Dentro la  federa di un cuscino sono stati trovati : due borsette,  Hermes e Chanel, un paio di scarpe Tod’s, tre I pad ed un computer Mac, contanti e carte di credito. Il bottino della notte di scorribanda.

Molti oggetti sono stati riconsegnati al proprietario, un ospite russo che ha affittato una villa in via in via Duca degli Abruzzi. E’ ancora da accertare la appartenenza del computer, dell’i-pad e della borsetta

La BMW serie 5, su cui erano state apposte le targhe rubate, era anche’essa rubata alcuni giorni prima a Marina di Pietrasanta, proprio dopo un inseguimento che gli stessi agenti di Polizia avevano effettuato, dopo aver individuato una auto rubata a Montemurlo e lasciata a Vittoria Apuana, il 25  Luglio.

Il giovane albanese, dopo aver trascorso la notte nella camera di sicurezza della Questura di Lucca, stamattina è stato portato in giudizio di convalida di fronte al giudice del tribunale di Lucca.

I servizi di prevenzione e contrasto alle attività predatorie per ordine del Questore di Lucca, Claudio Cracovia, ad opera della Polizia di Stato di Forte dei Marmi proseguiranno incessantemente nei prossimi giorni.

No comments

*