Contrassegno rosa, pass unico valido nei quattro Comuni della Versilia Storica

0

VERSILIA – Parcheggio facilitato in tutta la Versilia Storica, senza vincoli di orario né di pedaggio, per future mamme e coppie con figli fino a un anno di età. È infatti entrato in vigore l’accordo tra i Comuni di Seravezza, Forte dei Marmi, Pietrasanta e Stazzema che prevede il reciproco riconoscimento dei Contrassegni Rosa. Il provvedimento è già stato approvato dalle rispettive giunte municipali ed è quindi pienamente efficace. La novità è stata presentata questa mattina presso il Comando della Polizia Municipale di Seravezza dagli assessori Dino Vené (Seravezza), Alessio Felici (Forte dei Marmi), Andrea Cosci (Pietrasanta) e Caterina Lorenzoni (Stazzema). Presente anche il consigliere delegato alle pari opportunità del Comune di Seravezza Vanessa Bertonelli.

Ogni Comune manterrà i propri contrassegni e le proprie modalità di rilascio dei tagliandi. La novità consiste nel fatto che l’autorizzazione concessa da un Comune sarà adesso pienamente valida e riconosciuta anche negli altri tre. «Abbiamo inteso in tal modo dare una doverosa risposta alle esigenze delle donne in stato di gravidanza e delle coppie con bambini piccoli che si spostano frequentemente in auto da una zona all’altra della Versilia e che spesso hanno serie difficoltà nel trovare parcheggi liberi», ha spiegato l’assessore Vené. «Ringrazio i colleghi per aver sostenuto questo progetto nel comune interesse di tutti i nostri cittadini». Vanessa Bertonelli ha sottolineato come «la novità sia particolarmente utile ai cittadini di Seravezza, visto che nei Comuni limitrofi sono numerose le aree con sosta a pagamento». «Mi piace sottolineare inoltre come si tratti di una pari opportunità per entrambi i sessi: i contrassegni potranno essere utilizzati infatti sia dalle mamme che dai papà».

I dettagli tecnici sono stati illustrati dal Comandante della Polizia Municipale di Seravezza Mauro Goduto. Ogni contrassegno sarà valido per un massimo di due veicoli, le cui targhe saranno riportate sul tagliando, da esporre obbligatoriamente all’interno del veicolo durante la sosta. Un solo contrassegno a coppia e possibilità di utilizzo solo se il bambino è a bordo. Il Contrassegno Rosa dà diritto a parcheggiare negli stalli bianchi o in quelli blu in deroga all’eventuale disco orario o al pagamento del ticket. Dettaglio importante, soprattutto a Forte dei Marmi e Pietrasanta: i tagliandi non consentono l’ingresso nelle ZTL. Per il rilascio, gli interessati continueranno a rivolgersi ai Comandi di Polizia Municipale dei rispettivi Comuni di residenza.

L’assessore Alessio Felici ha sottolineato il valore sociale e i motivi ispiratori del provvedimento. «Fin dalla prima introduzione del Contrassegno Rosa abbiamo riflettuto sul fatto che spesso farmacie e studi medici si trovano nei centri urbani, cioè in zone dove la sosta è più difficoltosa o a pagamento», ha detto. «Il pass serve quindi a risolvere i problemi pratici delle mamme o delle coppie che si spostano in auto. Non interpretiamolo come un lasciapassare per lo shopping, ma come un servizio di utilità sociale. Devo anche aggiungere che mi fa veramente piacere vedere i quattro comuni, ognuno con le proprie peculiarità, uniti quando si tratta di interpretare le esigenze di tutti i cittadini».

«Noi che da sempre sosteniamo l’unità della Versilia, e non solo di quella storica, siamo felici che Seravezza e Stazzema entrino in questo sistema di reciproco riconoscimento dei pass già in vigore da tempo tra Pietrasanta e Forte», ha aggiunto l’assessore di Pietrasanta Andrea Cosci. «Con Seravezza e Stazzema, fra l’altro, abbiamo già un coordinamento dei servizi di polizia municipale e questo ulteriore passo avvicina anche Forte dei Marmi. Voglio ricordare, come ha fatto anche il collega Felici, che il Contrassegno Rosa vide la luce per la prima volta a Pietrasanta nel 2006 grazie a una proposta del compianto consigliere Claudio Camillotto».

«Un provvedimento molto atteso e molto importante per il nostro territorio versiliese che finalmente delibera in maniera congiunta», ha commentato l’assessore di Stazzema Caterina Lorenzoni. «Avremmo dovuto adottare questo provvedimento ancor prima, in quanto risponde a una esigenza reale delle nuove famiglie che potranno in questo modo avere un’agevolazione nello svolgimento delle attività quotidiane. Per quanto attiene il Comune di Stazzema si tratta di una nuova istituzione e credo che sia un bel risultato per la nostra Amministrazione in collaborazione con quelle limitrofe».

No comments

*