Crimine, droga e prostituzione: Torre del Lago abbandonata, i cittadini chiedono aiuto

1

TORRE DEL LAGO – Crimine, droga, prostituzione: in una sola parola insicurezza. E’ di poche ore fa l’incontro a cui hanno partecipato numerosi cittadini di Torre del Lago che, allo stremo, si sono riuniti al Butterfly, sul Belvedere. La loro intenzione è quella di costituirsi in un comitato, apolitico, per affrontare le questioni. I gravi fatti di cronaca, accaduti negli ultimi tempi nella frazione, ultimo dei quali la rapina in casa all’anziana titolare del bar Diana, che si è vista aggredita nella sua abitazione da un bandito senza scrupoli che le ha portato via anche oggetti cari, e ricordi, hanno fatto si che molti residenti, vittime di furti, danneggiamenti, con la paura non solo di uscire di sera, o di notte, ma anche di stare tra le proprie quattro mura, si ritrovassero, dopo un tam tam di post sui social, in particolar modo su Facebook.  La richiesta, che verrà avanzata nei prossimi giorni, è quella di un incontro con il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, alla presenza sia del questore che del prefetto di Lucca, per ottenere un incremento del personale sia dei vigili urbani che dei carabinieri della stazione locale. Finita la vicenda campo rom, con il suo sgombero, i residenti lamentano ormai da tempo il dilagare del fenomeno dello spaccio in pineta di levante, soprattutto al confine con la Bufalina, nella zona della stazione ferroviaria e persino nei parchi della frazione, e l’aumento delle prostitute che se una volta battevano esculusivamente lungo il viale dei Tigli e sul viale Kennedy, oggi sono “avanzate” nel centro del paese, e sono “attive” sia di notte che di giorno: è di questa mattina la foto arrivata alla nostra redazione di due trans “collassati” dopo il lavoro sulle tribune in piazza della Pace.  Una Torre del Lago “terra di nessuno”, quella descritta, con un appello urgente a interventi tempestivi, e risolutori, per il rispetto della legalità, la sicurezza degli abitanti, il decoro, l’ambiente a favore sia del turismo che del commercio, penalizzati, entrambi, da certe situazioni.

1 comment

  1. Andrea 21 luglio, 2017 at 17:49 Rispondi

    Possibile che le forze dell’ordine non ci siano accorte del via vai di trans,cliente e ragazzi di colore sulla casa vicino alla piazza nel angolo di via don lazzeri e via del cima fanno casino fino a notte fonda …

Post a new comment

*