“Darsena e via Regia al collasso, ma piazza Cavour non se la passa meglio”

0

VIAREGGIO – “In questo momento di crisi infinita, dove anche il periodo natalizio non ha giovato alle nostre casse vuote, non sentivamo certamente il bisogno che la Città di Viareggio città fosse bloccata e tagliata in due, come un un coltello dentro il burro, dagli infiniti lavori stradali. Siamo preoccupati per i lentissimi lavori del ponte girante: il commercio vicino ad esso (vedi Darsena e Via Regia) è al collasso e neanche Piazza Cavour se la passa meglio”. E’ Stefano Lazzarini, presidente dell’associazione degli esercenti storici del “Piazzone” che parla: ” Vogliamo sapere la verità, dal Commissario Romeo, sulla continuazione dei lavori e sulla tempistica di essi. Non è accettabile, a carnevale quasi iniziato e con la stagione estiva non più lontana, non vedere e nemmeno capire l’epilogo del nuovo ponte, anche perché d’altra parte la viabilità viareggina è già di per sé caotica, e con le problematiche suddette è diventata insostenibile. Anche Piazza Cavour sta soffrendo per il traffico cittadino bloccato: le stesse svendite stanno andando malissimo, già di per sé fiaccate dalla crisi che sembra irreversibile. Vorremmo anche chiedere al Commissario Romeo quando saranno ultimati i lavori di rifacimento dell’asfalto al Piazzone, dal momento che abbiamo subìto l’inizio dei lavori nella prima decade di dicembre, e non vorremmo vederli finire, magari, tra luglio e agosto, giusto nel pieno dell’estate. Sempre a Piazza Cavour continua a dettar legge, imperterrita, la cosiddetta microcriminalità. Non più tardi di ieri erano sparse, sull’asfalto, maniglie di porte dei negozi divelte. Per non parlare dei furti recentissimi di biciclette dei clienti, effettuati sotto il naso dei malcapitati proprietari. E tutto questo in un contesto di assoluto buio. Si, perché la zona del mercato, e lo diciamo da ormai troppo tempo, ha una illuminazione da terzo mondo. Ci auguriamo che il Commissario Romeo faccia proprie queste nostre denunce, e ponga rimedio al più presto. Tutto ciò in attesa di rivedere una nuova amministrazione politica insediata, consci che il tempo dei sogni e delle chimere è terminato, ma sicuri del fatto che noi, una ricetta per provare a ripartire da subito al Piazzone, la abbiamo”.

No comments

*