Delegazione statunitense del G7 a Viareggio, la protesta

0

VIAREGGIO – “Abbiamo appreso con preoccupazione e rammarico che la delegazione statunitense la quale parteciperà al prossimo G7 di Lucca sosterà nella città di Viareggio. Questo comporterà, sicuramente, disagi per l’intera città con un ulteriore militarizzazione del territorio, nonché forze dell’ordine spostate dall’impegno alla lotta alla criminalità al sorvegliare questi prepotenti”.

Lo scrivono in una nota congiunta Repubblica Viareggina per i beni comuni, Partito della Rifondazione Comunista circolo Milziade e Nilo Caprili, Unione Inquilini, COBAS lavoro privato Versilia, Movimento di liberazione popolare – p101 – della Versilia, Communia Viareggio, Officina di arte fotografica e contemporanea Dada Boom, Donne in Cantiere, Partito Comunista dei Lavoratori della Versilia, Gruppo Autonomo Viareggio,Brigata Sociale Antisfratto, CSOA SARS e Cantiere Sociale Versiliese:

“Nuovi venti di guerra (Siria, Corea del Nord, Ucraina, ecc.) soffiano sul pianeta per colpa delle potenze capitalistiche che fanno parte del G7. Noi parteciperemo alla manifestazione di lunedì 10 aprile contro il vertice che si terrà a Lucca (ritrovo 14.30 stazione di Viareggio) ma faremo sentire anche nella nostra città il nostro disappunto. Invitiamo le cittadine e i cittadini che credono nella pace, che rifiutano la spirale terrorismo guerra che si alimenta vicendevolmente, che credono in un economia diversa da quella caratterizzata dalle devastazioni ambientali e dallo sfruttamento dell’uomo sull’uomo a far sentire la propria voce.

Protestare è un diritto democratico sancito dalla nostra costituzione. Quella costituzione che abbiamo difeso con venti milioni di “No” lo scorso 4 dicembre al referendum istituzionale. Per questo non tollereremo divieti alla libertà di espressione.

Ricordiamo, inoltre, come proprio in queste ore il governo italiano sia stato costretto a patteggiare di fronte alla corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo per le gravi violenze delle “forze dell’ordine” avvenute durante il G8 del 2001 di Genova”.

 

No comments

*