Depuratore di Viareggio, in arrivo 400mila euro: obiettivo il miglioramento della qualità delle acque del mare del litorale versiliese

0

VIAREGGIO – L’obiettivo finale resta il miglioramento della qualità delle acque del mare del litorale versiliese, così da scongiurare il rischio divieti di balneazione: nelle scorse settimane il Consiglio di Amministrazione di GAIA ha dato il via libera ai lavori di efficientamento del depuratore di Viareggio, per un totale di circa 400mila euro di investimento, da realizzare entro fine anno.

Contemporaneamente, prosegue la pianificazione della campagna di verifica del corretto allacciamento alla fognatura nera delle utenze nella zona limitrofa al Fosso dell’Abate. La verifica, che verrà successivamente estesa anche alle altre utenze nella zona Fosso dell’Abate, consentirà di individuare eventuali allacci abusivi sulla fognatura bianca che creano fenomeni di inquinamento. Intenzione del Gestore è partire con un progetto pilota che coinvolgerà inizialmente circa 200 utenze, da estendere in un secondo step alla restante parte del territorio interessata, al fine di individuare la tecnologia più efficiente e prevedere con sufficiente precisione le tempistiche necessarie ai rilievi.

E’ stato inoltre istituito un Tavolo di lavoro dalla Regione Toscana per la redazione di un Piano di controllo degli scarichi abusivi sui tre fossi versiliesi (Fosso dell’Abate, del Fosso Motrone e Fiumetto), nell’ambito dell’Accordo di programma: il tavolo sarà formalizzato entro l’inizio della stagione balneare per definire gli interventi coordinati a carico dei vari enti .

L’INTERVENTO SUL DEPURATORE DI VIAREGGIO

Il depuratore viareggino è il primo impianto di depurazione in Versilia per importanza, si trova a 3 km dal mare ai margini della città e serve più di 64.000 residenti. Nel periodo estivo, grazie all’afflusso turistico, il depuratore arriva a servire picchi di circa 100.000 abitanti.
L’impianto attualmente necessita di un efficientamento dei trattamenti ossidativi, ovvero dei processi di tipo biologico utilizzati per la rimozione delle sostanze organiche contenute nel liquame. Nel depuratore sono presenti 3 vasche “carousel” (sistemi in cui si ha simultaneamente nitrificazione e denitrificazione) oggi attrezzate con vecchi aeratori a spazzola, che hanno modeste rese di trasferimento dell’ossigeno e sono soggetti a frequenti guasti. Pertanto il progetto di GAIA approvato dal CdA si propone di efficientare  tutto il sistema di ossigenazione della linea “carousel”, ottenendo un sostanziale   risparmio energetico. Nel dettaglio gli interventi prevedono la ristrutturazione delle vasche esistenti, l’installazione di un sistema di aerazione a bolle fini ad alta efficienza,   l’adozione del processo di aerazione alternata e il ricircolo fanghi in testa alle vasche mediante la riabilitazione di una stazione di sollevamento esistente. Inoltre, verranno contestualmente realizzati nuovi collegamenti idraulici, anche con tubazioni già esistenti e in servizio.

I lavori sono stati già aggiudicati tramite gara d’appalto , e saranno realizzati entro dicembre 2017.

No comments

*