“Difendiamo l’ospedale, no agli accorpamenti”

0

LIDO DI CAMAIORE – “Tagliare interi reparti di un importante ospedale, quale è quello della Versilia, è un atto criminale”.E’l’onorevole Claudio Morganti che parla: “La regione Toscana, guidata dal presidente Enrico Rossi, continua a giocare e risparmiare sulla salute dei cittadini, continua a tagliare posti letto e a ridurre personale con un obiettivo chiaro che è quello di privatizzare sempre più il servizio sanitario. L’ospedale ‘Versilia’ è una struttura nata solo 13 anni fa, una struttura innovativa e funzionale che, secondo la follia del presidente Rossi, deve essere rottamata per essere sostituita dal più ‘redditizio’ ospedale di Lucca e per coprire il buco di 3 milioni di euro scoperto recentemente dalla corte dei conti e che la regione aveva negato l’esistenza. I buchi di bilancio continuano a fioccare ma i responsabili seguitano a non pagare perché tanto c’è il popolo pantalone da spennare per compensare. Si sta andando verso un servizio sanitario sempre più lontano dai cittadini che porterà ad un aumento di decessi per la mancata e doverosa assistenza. È la naturale conseguenza di una politica regionale che ha barattato la salute dei cittadini con le opere strutturali ospedaliere in project financing che sta ingrassando le tasche di qualcuno e svuotando quelle di molti. La battaglia da fare è importante, in gioco c’è la tutela del diritto alla salute”.

Anche i Liberali per Viareggio questa mattina e anche nel pomeriggio si sono presentati alla manifestazione promossa dai sindacati della sanità che certo non hanno accolto molto bene il contributo del Partito Liberale che certo non è la prima volta che esprime preoccupazioni per le sorti del presidio sanitario versiliese che a 14 anni dalla sua inaugurazione viene di fatto rottamato.
Presenti alla manifestazione Paolo Tambini e Maurizio Rosellini al mattino e Luisella Audero e Serena Puppa nel pomeriggio.

No comments

*