Diffamato Luca Poletti: “Contro di me la macchina del fango, mi riservo azione legale”

0

VIAREGGIO – “Nella giornata di oggi è stata messa in funzione la macchina del fango nei miei confronti, “costruendo” una notizia obiettivamente diffamatoria. Mi riservo di agire in giudizio a tutela della mia onorabilità sia in sede penale che in sede civilistica, per il risarcimento del danno”. “La “notizia” (riportata su una testata on line ) – spiega Luca Poletti – sarebbe che la l’azienda di cui ero socio ha avuto in passato difficoltà con le banche, come molte piccole aziende in questi anni, a causa del fallimento di alcuni suoi clienti che non la hanno pagata, e la società ha intrapreso il percorso previsto in questi casi dalla legge, ovvero la procedura del concordato preventivo, che prevede l’accordo dei creditori con il controllo del Tribunale, nell’ambito del quale una nuova società di cui sono amministratore ha rilevato l’azienda”.  “Per fortuna- fa sapere Luca Poletti con una nota stampa concordata con i suoi legali –  le difficoltà sono state superate. Quindi non ho fatto niente di male, ma anzi mi sono risollevato, con un procedimento trasparente, da una situazione di crisi. A fronte di molti drammi vissuti da molte piccole aziende in questi anni, che hanno condotto taluno a cadere vittime della usura e qualcuno anche a ricorrere a decisioni tragiche e estreme, credo di essere stato un piccolo esempio di come dalle difficoltà si può uscire. E’ triste che si ricorra alla diffamazione dell’avversario pur di tentare di imporsi nella lotta politica”. Usufruire del concordato preventivo non significa aver commesso un reato. Non si accede a questo beneficio concorsuale avendo distratto fondi dalla massa sociale che anzi consiste proprio in un accordo con i creditori finalizzato appunto a concordare (CONCORDATO) prima del fallimento (PREVENTIVO), come ed in che misura, soddisfare le ragioni creditorie.

No comments

*