Farina di castagne, la festa a Stazzema

0

STAZZEMA – Sabato 28 marzo prossimo, si terrà a Stazzema l’undicesima edizione della Festa della Farina di Castagne organizzata dall’Istituto Comprensivo Martiri di S.Anna di Stazzema, l’Associazione La Filiera della Castagna, l’Amministrazione Comunale e con le associazioni locali.
La festa, che per 10 edizioni si è svolta nelle frazioni di Pruno e Volegno, da questo anno, per volontà degli organizzatori, cambia e diventa itinerante, infatti così come nell’ intento originario e come era già stato annunciato durante l’organizzazione dell’ultima edizione tenutasi nel 2014, vogliamo che questa iniziativa diventi sempre più vicina e sentita in tutte le frazioni.
Ogni paese ha pari dignità e potenzialità da far conoscere, mostrare e vivere, anche per un pomeriggio,sia dal punto di vista dell’ospitalità e dell’ accoglienza,sia da un punto di vista storico letterario geografico artistico e culinario.
Sarà quindi la frazione Capoluogo del nostro Comune la cornice di questa undicesima edizione e protagonisti indiscussi saranno gli alunni della scuola che potranno vivere una giornata interamente a contatto con la natura e con l’ambiente. Il tema di questa anno è : RICOMINCIAMO DA QUI sotto i tigli del capoluogo.
“Le attività della giornata ed i vari laboratori organizzati per i bambini”, commenta l’Assessore alla Pubblica Istruzione Marco Viviani, “si svolgeranno per la maggior parte nel magnifico contesto della Pieve Romanica di S. Maria Assunta, il Saldone, la Casa di Compagnia e la Piazza dei Tigli, ma ad essere animato sarà l’intero paese dove si svolgeranno visite guidate alla scoperta degli angoli più caratteristici di questa frazione e soprattutto dei suoi monumenti che testimoniano un grande passato storico, artistico e culturale. Non mancherà naturalmente anche la visita al Santuario della Madonna del Piastraio. Anche con questa festa, commenta l’Assessore alla Pubblica Istruzione Marco Viviani, vogliamo proseguire nel programma che stiamo portando avanti con gli insegnanti della nostra scuola per far conoscere ai bambini il proprio territorio ed avvicinarli alle tradizioni locali. La scelta di far divenire la Festa della Farina una iniziativa itinerante nelle varie frazioni vuole essere il motivo e l’occasione per sviluppare sempre di più un rapporto di collaborazione e scambio tra le comunità dei nostri borghi, non a caso abbiamo scelto di iniziare questo nuovo percorso dalla frazione Capoluogo. Mi unisco ai ringraziamenti già espressi dalle associazioni organizzatrici e dalla scuola ai paesi di Pruno e Volegno e a quella intera vallata che per un decennio ha ospitato la festa con grande entusiasmo contribuendo alla crescita di questa iniziativa”.

No comments

*