Festival del gelato e strage, l’Amministrazione Comunale: “La città non si divida”

0

Non si può che rimanere ammutoliti di fronte ad un dolore così grande che nessuno di noi può avere la presunzione di comprendere fino in fondo”.

Sulla vicenda del festival del gelato, legato alla strage di Viareggio e le commemorazioni del 29 giugno intervengono oggi il Vicesindaco Romanini e glli Assessori Bertoli, Dal Pino, Fruzza Lazzerini e Strambi: “Questa Amministrazione, crediamo, ha voluto rappresentare una forte discontinuità con la precedente su una questione così sentita da tutti noi e dalla città, come è quella della strage di Viareggio. Il Sindaco in prima persona sta portando avanti l’idea dell’Osservatorio Nazionale sul rischio del trasporto delle merci pericolose, chiedendo al Ministero che venga istituito e trovi sede proprio a Viareggio, così come in un viaggio a Bruxelles ha sollecitato l’Unione Europea a rendere più stringente la legislazione su questo tema: giustizia infatti non la si ottiene solo nelle aule dei tribunali, ma anche impedendo che stragi come la nostra accadano di nuovo. Ora, a distanza di pochi giorni dall’anniversario, tutta la città si è avvitata su questa concomitanza con l’ultimo giorno dell’evento sul gelato che si tiene in piazza Mazzini. La chiusura anticipata del festival alle ore 20:00 di domenica 29 giugno – che l’Assessore Strambi aveva già anticipato sabato e che ieri è stata ufficializzata dagli organizzatori – ci è sembrato un atto dovuto e di rispetto nei confronti di tutte le nostre vittime e della città intera ed è per questo che l’avevamo concordata già venerdì scorso. Se, in tutta sincerità, rigettiamo al mittente le strumentalizzazioni di parte della politica cittadina, non possiamo non prendere in considerazione le voci dei familiari delle vittime della strage, il dolore delle loro ferite sempre aperte, le loro richieste nel Consiglio Comunale aperto. Non credevamo che la nostra valutazione in merito al patrocinio concesso al festival internazionale del gelato potesse offendere in modo così profondo i familiari delle vittime. Evidentemente la buonafede e l’impegno costante non sono mai troppi e lo sfogo di questi giorni dei familiari ci ha profondamente addolorato e toccato. Non possiamo, quindi, che fermarci di fronte a tutto questo ed esprimere le nostre scuse ai familiari delle vittime se non siamo riusciti a comprendere fino in fondo questo dolore e non possiamo che impegnarci affinché certe sottovalutazioni non si ripetano in futuro. Non vorremo che per un simile episodio si mettesse in dubbio tutto quanto è stato fatto in questi anni, la nostra vicinanza e la nostra viva partecipazione al ricordo e al dolore di tutta la comunità. Ma ciò che ci preme ancora di più è che, a cinque giorni dall’anniversario, la città non si divida su questa discussione. Rinnoviamo ancora una volta la nostra totale vicinanza a tutti familiari e le associazioni ricordando loro che non sono soli ma che questa Amministrazione sarà sempre a loro fianco”.

No comments

*