Forassiepi: “Mazzoni si limiti all’ordinario”

0

PIETRASANTA – “Leggiamo con stupore che il Vice Sindaco Mazzoni si sta affannando per compiere in pochi giorni atti e attività che forse doveva fare prima. Certamente le poche cose fatte da lui in più di due anni lo spaventano, e questo è comprensibile, soprattutto per chi pensa di candidarsi a Sindaco, ma ci preme ancor di più sottolineare che tale atteggiamento è poco corretto e poco rispettoso delle istituzioni e della città in generale”.

Lo afferma in una nota Rossano Forassiepi, del Pd:

“Apprendere che sta portando avanti temi dirimenti per il futuro della città senza il possibile coinvolgimento del Consiglio Comunale come la vendita dei parcheggi dei bagni, accordo con la Coop-Conad-Stadio, variazione della viabilità e parcheggi, museo Mitoraj, rocca di sala e addirittura contributi ci fa dire che la campagna elettorale non si fa con i soldi e i beni del Comune, ma con le proprie risorse e le proprie idee. Se Mazzoni e company vogliono chiudere lo Stadio Comunale, vendere l’accesso al mare, aumentare ulteriormente i parcheggi a pagamento che lo dicano in campagna elettorale e si facciano votare, dopo saranno legittimati a farlo, adesso sarebbe soltanto uno sfregio alla storia di Pietrasanta.

Compromettere la città con scelte affrettate e fatte in un momento di disordine istituzionale e politico come questo non sono una cosa seria e responsabile, diffidiamo quel che resta dell’Amministrazione a compiere atti che potrebbero compromettere l’assetto della città in un momento come questo, non è accettabile che dopo che questa amministrazione consegnerà la città al Commissario Prefettizio per quasi dieci mesi ipotechi il futuro della prossima amministrazione scelta dai cittadini con atti compiuti solo per propaganda e senza nessun coinvolgimento della città.

La nostra attenzione sugli atti prodotti da questa amministrazione è sempre stata precisa e puntuale, ma in questo periodo particolare che ci separa dal Commissario o dal ritiro delle dimissioni del Sindaco saremo ancora più attenti, pronti a segnalare ogni elemento non chiaro a chi di dovere. Ricordiamo inoltre a Mazzoni che non essendo mai stato neanche votato dai cittadini non ha alcuna legittimazione popolare, che durante questi venti giorni la legge prevede che Sindaco, Giunta e Consiglio abbiano solo poteri di ordinaria amministrazione.

Aggiungiamo infine che ai sensi dello Statuto Comunale dovrebbe essere convocato un Consiglio Comunale per la presa d’atto delle dimissioni del Sindaco ai sensi dell’art.32 dello Statuto stesso, cosa che oltre ad essere prevista per legge, sarebbe necessaria per trasparenza e chiarezza con la città affinché l’organo di rappresentanza democratica sia informato e non apprenda le notizie dalla stampa o da semplici mailpec”.

 

 

No comments

*