Forza Italia: “A Massarosa economia in picchiata e Mungai non nomina un assessore a turismo e attività produttive”

0

MASSAROSA – “Abbiamo visto negli anni appena trascorsi abbattersi anche sul territorio di Massarosa una crisi economica di proporzioni a dir poco preoccupanti, decine di aziende chiudere e/o spostarsi in aree produttive più appetibili, attività commerciali che rimangono aperte con redditività ridotte ad 1/3 rispetto agli anni recenti, famiglie intere in cassa integrazione se non addirittura senza lavoro con addirittura tragiche conseguenze se solo pensiamo al suicidio accaduto domenica scorsa”. La nota stampa, che pubblichiamo integralmente, è a firma di Forza Italia di Massarosa: Durante l’operato di questa giunta il comune di Massarosa ha visto il segno meno sull’incremento della popolazione e il comune ha iniziato a decrescere. Questa giunta ha oggi raccolto un consenso senza precedenti a Massarosa ed ha quindi riteniamo abbia l’obbligo di impegnarsi affinché tutto questo abbia un termine, di impegnarsi affinché tutti quei segni meno invertano la rotta e si trasformino in segni +. E ci riferiamo allo sviluppo industriale, all’incremento del turismo, al sostegno e all’incentivazione delle attività commerciali, all’incremento dell’artigianato e delle piccole e medie imprese e a mettere in pratica le necessarie risorse per dare un futuro ai nostri ragazzi attraverso un serio programma di formazione. Abbiamo appreso la nomina della squadra di governo. Noi ci saremmo aspettati di vedere una riorganizzazione degli assessorati, oltre che per segnalazione dei partiti anche per competenze, professionalità ed esperienze amministrative acquisite. Ma quello che maggiormente preoccupa è che una parte molto considerevole e di vitale importanza per il comune come le attività produttive, turismo e ricerca fondi e finanziamenti vengono trattenute dal sindaco che si farà aiutare con delle deleghe da alcuni consiglieri. Lo sviluppo economico , le attività produttive meritavano un assessorato proprio. Non vorremmo che si sacrificasse questo settore, che ha bisogno e ricordiamo ha sempre avuto la guida di un assessore, per ragioni di spartizioni ed equilibri e per dare un contentino a chi è rimasto fuori dalla giunta. Ricordiamo poi che in ogni caso i consiglieri delegati hanno funzioni abbastanza limitate per svolgere il compito assegnatogli dal sindaco su temi così delicati e di vitale importanza per il comune, e soprattutto non possono avere compiti di rilevanza esterna. Su questo argomento non faremo sconti, vigileremo attentamente che tali deleghe non sconfinino nel conflitto di interessi… inteso come controllore /controllato, visto che è il consigliere comunale che ha il compito di controllare l’operato dell’assessore, e che in questo caso le due figure conciderebbero”.

No comments

*