Gaber, domani a Camaiore Le Strade di Notte

0

CAMAIORE – Domenica 20 luglio dalle ore 21, con Le Strade di Notte, l’evento popolare organizzato e diretto dal drammaturgo-cantautore Gian Piero Alloisio su monologhi e canzoni di Gaber-Luporini, si inaugurerà la Rassegna COMeInCAmaiore, ispirata alla storica manifestazione “Professione Comico” ideata dallo stesso Gaber nell’88 a Venezia. A seguito della straordinaria affluenza di pubblico della scorsa edizione, il Comune di Camaiore ha ampliato a oltre 600 posti la capienza della platea di Piazza XXIX Maggio, dalla quale partiranno i gruppi degli artisti dislocati in tutta la città di Camaiore.

Le strade di notte è un evento musicale e teatrale per 3 strade, 10 cavalli, 22 palcoscenici e 300 cittadini-artisti provenienti da tutta Italia

Una “mega compagnia” musicale e teatrale composta da centinaia di artisti, professionisti e amatoriali provenienti sia dalla Versilia che da ogni parte d’Italia, animerà per più di quattro ore le vie del Centro Storico di Camaiore cantando e recitando quel Teatro-Canzone che Giorgio Gaber e Sandro Luporini, per molte estati, hanno scritto proprio a Camaiore, precisamente a Montemagno. Le scene dello spettacolo verranno proposte su ventidue grandi e piccoli palcoscenici da attori, musicisti, cantanti, funamboli, animatori, burattinai, cavalieri, scuole, bande e corali.

Gli artisti suoneranno, reciteranno, canteranno e danzeranno in piazza XXIX Maggio e in piazza San Bernardino, in piazza Rivellino e in piazza Diaz, nelle strade del centro storico, nel loggiato del Museo d’Arte Sacra, nell’atrio di Palazzo Tori-Massoni, nella chiesina di San Michele, nel Teatro dell’Olivo.

Il pubblico verrà diviso in gruppi di 50-100 spettatori, ognuna delle ventidue scene durerà fra i  5 e i 10 minuti, gli artisti la ripeteranno  ogni volta che avranno di fronte un gruppo di nuovi spettatori. Gian Piero Alloisio dirigerà l’intera notte bianca “gaberiana”, oltre a rendere direttamente dal palco centrale un omaggio al Signor G, con lo storico musicista di Gaber, Gianni Martini interpretando alcuni dei pezzi più noti. (Piantina allegata)

Durante lo spettacolo, lungo il percorso, gli spettatori vedranno all’opera, oltre agli artisti, anche tanti artigiani della zona. All’inizio e alla fine della serata, la “mega compagnia” musicale e teatrale sfilerà per le vie del centro storico di Camaiore.

Queste le tappe:

1 – Il Teatro all’Aperto di Piazza XXIX Maggio

“Canzoni G” con Gian Piero Alloisio, Gianni Martini e Artisti per Gaber da tutta Italia

Il cantautore e drammaturgo Gian Piero Alloisio, amico e collaboratore storico di Giorgio Gaber, e Gianni Martini, per 18 anni chitarrista della sua Band, eseguono le canzoni più significative dello spettacolo “Il mio amico Giorgio Gaber”. Con loro sul palco:

Manuela Bollani e Gabriele Landucci – Le strade di notte

Silvia Frieda Sopranzetti, Luca Passerotti, Giacomo Bagnoli – Il filosofo overground

Marco Andreoni – Far finta di essere sani

Edith Gerola – Il grido, Madonnina dei dolori

I bambini del Girasole diretti da Emanuela Bianchini – Torpedo blu e Lo Shampoo: canzoni animate

Escodamè – Il Riccardo

Anna Paganini Bresaola – Barbera e champagne

Patrizia Pili – L’impotenza

Simona Meccheri e Massimo Viaora – Un’idea

Vincenzo Valenti – L’anarchico

Sandro Silva – Il tempo quanto tempo

Lorenzo Ghiselli – Le elezioni

Messua Mazzetto – Secondo me gli italiani

2 – Via Vittorio Emanuele

I Cavalieri di Gaber con l’Associazione “Il Cavallo e Noi”

A  rafforzare il senso epico del tributo collettivo a Gaber, un corteo di cavalieri per dare il via alla grande serata, festeggiando e accompagnando il pubblico.

3 – Piazza San Bernardino (Chiesa)

 “La nave” e “Quando sarò capace di amare” con Manuela Bollani e Gabriele Landucci

Dopo la straordinaria performance della prima edizione de “Le strade di notte” torna, accompagnata da uno straordinario pianista, una cantante-attrice sensibile e intensa, sempre a proprio agio nell’interpretare sia il Gaber comico che il Gaber poeta.

4 -Via Vittorio Emanuele (retro Chiesa)

L’Associazione Leonardo da Vinci per Gaber

Già presente nella prima edizione, questo gruppo di artigiani e artisti camaioresi realizza in diretta le proprie creazioni tutte dedicate al grande concittadino Giorgio.

5 – Via Vittorio Emanuele (accanto ai tavolini del bar)

 “Luciano” e “La canzone della non appartenenza” con L’intenzione del volo

Un gruppo di giovanissimi artisti di Imola, Andrea Faccioli, Davide Villani ed Elisa Gazzelli, riesce a rendere perfettamente, con un’energia che ricorda davvero il Signor G ma non lo imita, canzoni scritte per un’altra generazione.

6 – Via Vittorio Emanuele 163

“La collana” con Iacopo Gori e il suo Pupazzo

Artista di strada viareggino, presente con il suo “Teatro dei Burattini” nella prima edizione, quest’anno trasforma uno dei più celebri brani “pedagogici” di Gaber-Luporini in un’animazione per Attore, Pupazzo e Pubblico. Indispensabile partecipare.

7 – Piazza Diaz

“Illustrando una canzone di G” con l’Associazione Le otto querce

Un gruppo di pittori e disegnatori di Camaiore rappresenta in tempo reale le emozioni della canzone-testamento di Gaber: “Non insegnate ai bambini”. Un’oasi di riflessione nel concitato succedersi delle scene dello spettacolo itinerante.

8 – Piazza Diaz Statua

 “Info Gaber” con Cristina Grandi

Una versatile artista versiliese illustra agli spettatori le varie stazioni dello spettacolo.

9 – Chiesina di San Michele

“Non insegnate ai bambini” e “Non arrossire” con Michela Lombardi e Nino Pellegrini

Michela Lombardi, una delle più importanti cantanti jazz italiane, interpreta la canzone-testamento di Gaber e un classico del Gaber degli esordi.

Accompagnata da un contrabbassista d’eccezione, in un’atmosfera raccolta, la sua voce ci regala un tributo musicalmente colto e affettuoso.

10 – Loggiato Museo D’Arte Sacra

 “La benda” con la Compagnia “Gli altri siamo noi”

Dal laboratorio teatrale della Cooperativa Sociale “Le Briccole”, della Fattoria Scuola di Vita di Capezzano Pianore, uno specialissimo omaggio di volontari, operatori e ragazzi diversamente abili.

11 – Atrio Palazzo Tori- Massoni“Dove l’ho messa?” con Ivan Bertolami e il Duo Imbesi-Zangarà

Dalla provincia di Messina, la rivisitazione di un brano recitato e cantato nello spirito più autentico del Teatro-Canzone. Lo interpreta un giovane “cantattore” accompagnato da due giovani virtuosi della chitarra.

12  – Via Vittorio Emanuele 172

“Il ritmo di Gaber” con Claudio Andolfi

Un batterista-narratore ci descrive l’opera di Gaber dal punto di vista del ritmo, a dimostrazione dell’immediatezza gaberiana nella sua comunicazione.

13 – Teatro dell’Olivo

“Le mani”, “La parola io” e “A Giorgio” con Luigi Campoccia – “C’è un’aria” con I ragazzi di Nic

Il senese Luigi Campoccia, per tanti anni  pianista di Giorgio Gaber, propone due classici della produzione gaberiana e un brano da lui dedicato a Giorgio. Con lui, un gruppo di giovanissimi versiliesi, apprezzatissimi nella scorsa edizione de “Le strade di notte”.

14 – Contrada la Rocca

Medley Gaberiano con il Coro Quinto Suono

Il coro viareggino, presente nei tributi collettivi a Gaber fin dal 2006, propone un divertente collage di notissime canzoni del Signor G.

15 – Via XX Settembre

La Filarmonica Versilia D.E. Benedetti

Diretta da Massimo D’Alessandro esegue le canzoni del primo Gaber, rivelandone la divertente vena popolare.

16 – Via XX Settembre

I percussionisti di Gaber con i Pedrasamba diretta da Mirko Bonini

Trascinanti animatori della prima edizione, i percussionisti di Pietrasanta tornano per guidare il pubblico fra le vie del Centro Storico alla scoperta dei tanti palcoscenici naturali in cui si esibisce la Mega Compagnia.

17 – Piazza San Bernardino (Comune)

“L’elastico”  con Leela Huma e Raffaele Riggio

Il precario equilibrio della canzone più “psicoanalitica” di Gaber-Luporini diventa una performance “terribile”. Sospeso sulla piazza, camminando sul filo, un uomo in carne e ossa dialoga con il suo ambiguo alter ego. Una nuova sorpresa di Leela Huma, artista versiliese che aveva affascinato il pubblico della prima edizione.

18 – Piazza Rivellino

“Suite Gaberiana” con Compagnia Kult Roses 659

Un gruppo di otto attori, cantanti e musicisti di Prato, con brani tratti dall’opera di Gaber-Luporini, compongono un piccolo, attualissimo e inedito atto unico.

19 – Via delle Muretta Piazza

“Sogno di Marx” con Lahire Tortora, Fabio Berton – Scenografia LabArt di Laura Bartelloni

In arrivo da Padova, hanno assemblato due celebri monologhi di Gaber-Luporini in un nuovo atto unico per teatro di strada. Divertenti, roboanti,  immersi fra la gente. A sottolineare vari momenti del testo, i giochi di luce di un’originale artista camaiorese.

20 – Via delle Muretta Scalinata

“La bugia” e “L’algebra” con Paolo Li Causi

Giovane cantante, attore e musicista milanese di origine siciliana, da pochissimo alle prese con l’opera di Gaber-Luporini, ne interpreta due brani “minori” con grande semplicità e immediatezza.

21 – Via delle Muretta Ballatoio

“Fax” con Cinzia Zaccaria, Gabriele Pidalà e Riccardo Puccetti – “La Paura” con Stefano Toncelli

Una canzone comica che Gaber proponeva solitamente a conclusione dei suoi spettacoli. La interpreta un’insegnante di musica nata a Milano ormai versiliese d’adozione, accompagnata da un flautista e un percussionista. A seguire, il viareggino Stefano Toncelli con un monologo particolarmente in tema con la serata: “La Paura”, ambientato in una strada, di notte.

22 – Via delle Muretta Cancello

Info Gaber con Giorgio Alloisio

Per gli spettatori che si accostano ad iniziare il percorso, la descrizione dettagliata di ciò che accade in via delle Muretta e, più in generale, in tutto il viaggio. Per coloro che hanno già visto tutte le scene, alcune informazioni sul Gran Finale collettivo.

Lo staff è composto da Simonetta Cerrini, Francesca Farnocchia, Chiara Alloisio, Giulia Dal Bon.

No comments

*

“Noi si pota: si, però…”

VIAREGGIO – “Noi si pota”. Scrive su Facebook il sindaco Giorgio Del Ghingaro:”La potatura di un albero a Viareggio: Si, però… Si poteva potare di ...