Giulio Zanni si dimette dal Consiglio Comunale

0

VIAREGGIO – “A malincuore, questa mattina ho presentato la lettera di dimissioni da consigliere comunale”. Giulio Zanni, del Movimento Cinque Stelle, lascia l’assise.

Questa la sua lettera alla stampa:
“In Italia esistono persone che prendono pensioni d’oro da 30000,00 € al mese o persone che vanno in pensione a 40 anni con 4000,00 € al mese che non si possono toccare perché hanno diritti acquisiti.
Esistono anche centinaia di migliaia di persone, gli esodati, che con la riforma Fornero non hanno più uno stipendio e dovranno attendere anni per averla ma questi non hanno diritti acquisiti.
Così come non li hanno gli”invisibili”, io li definisco così, e cioè tutti gli ex commercianti, ex artigiani, ex imprenditori o ex Partite Iva, che per un motivo o per l’altro hanno perso il lavoro ed a cui è stata allontanata la data della pensione.
Degli “invisibili” non si parla mai né alla tv né sui giornali anche se il numero è forse maggiore degli esodati.
Io faccio parte di questi “invisibili” e malgrado 36 anni di contributi e del fatto che sarei dovuto andare in pensione lo scorso anno il mio assegno è stato posticipato di 5 anni (perdendolo in questo periodo) come moltissimi altri nella mia condizione.
Adesso ho avuto la fortuna di ricevere la possibilità di fare un contratto importante che non mi avrebbe permesso di ottemperare al meglio la mia funzione di consigliere ed ho preferito lasciare a chi potrà farlo sicuramente meglio di me.
Preferisco fare una cosa bene che due male ma sopra tutto la responsabilità di aiutare la famiglia e mia figlia in particolare, che deve finire l’Univesità, mi ha portato a prendere questa decisione.
D’altronde noi del M5S, come diciamo sempre, siamo prestati alla politica.
Lascio un gruppo sano di Viareggio e Torre del Lago che non ha ego o ambizioni politiche personali ma che pensa solo ed escusivamente a cercare di fare il bene dei cittadini e della città.
Lascio anche con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile, almeno per quello che mi è stato consentito di fare, come le mozioni del baratto amministrativo o del progetto Tosca votate all’unanimità o battaglie tipo mozione Mover (ancora in attesa di pronunciamento) o la richiesta delle spese sostenute dalla stessa società per il rifacimento delle strade e dei marciapiedi degli ultimi 2 anni (+ di 4 milioni di €) che ancora attende risposta malgrado siano passati oltre 4 mesi e moltissimi solleciti, per finire con stamani quando ho chiesto di studiare la revisione del capitolato delle concessioni comunali che, negli anni, è stato stravolto a vantaggio di poche decine di persone ma a svantaggio di tutto il resto dei cittadini di Viareggio e Torre del Lago che sono chiamati a pagare tasse e tributi al massimo anche in funzione di scelte scellerate fatte da politici, a dir poco, incompetenti.
Queste le principali, ma ce ne sono altre, che porterà avanti chi mi sostituirà per il bene della città e di tutti i cittadini onesti, come fa da sempre il M5S”.

No comments

*