Guttman nuovo cittadino di Pietrasanta, il musicista omaggia le scuole con un contributo per i corsi di musica

0

PIETRASANTA –  “Questo è un giorno speciale per me e la mia famiglia, sin dal primo momento in cui sono arrivato a Pietrasanta, nell’altro secolo, mi sono sentito a casa e ho provato una grande voglia di tornarci e tornarci ancora. Ci ho portato il mio festival e la famiglia. Adesso sono un vero cittadino di Pietrasanta, un piacere infinito”. Emozionatissimo, in un chiostro di S. Agostino assolutamente gremito, il musicista belga ha ricevuto dal sindaco Domenico Lombardi e dal presidente del consiglio comunale Ilaria Talini la pergamena della cittadinanza onoraria, votata all’unanimità dal consiglio, e la riproduzione del rosone del Duomo per portare nelle sue lunghe tournée nel mondo, Pietrasanta e quella piazza del Duomo da cui Guttman afferma di essere rimasto stregato per lo splendido incontro di sacro e profano.

Il tutto è avvenuto lunedì durante il concerto della Filarmonica di Capezzano Monte nel chiostro di Sant’Agostino. La cultura musicale autoctona di Pietrasanta ha incontrato così il grande musicista internazionale creando un bel sodalizio. Emozionante assistere all’inedita esibizione di Michael Guttman con la Filarmonica sul tema di Schindler’s List e standing ovation all’esecuzione dell’inno belga.

In un clima di estrema cordialità, Michael Guttman ha poi omaggiato la scuola di musica dei due poli scolastici del territorio, consegnando all’assessore Italo Viti e ai rispettivi direttori un contributo di 4.000 euro ciascuno. La Filarmonica, accompagnata dal Maestro Marco Pasquini, ha divertito e coinvolto il pubblico, in particolare con l’esibizione del trio Lescano. Per il musicista non sono mancate la targa di socio onorario e la spilla della società Filarmonica. Una piacevole serata di emozioni musicali, cui hanno preso parte decine e decine di cittadini, turisti, ma anche tanti artisti amici del maestro che ha voluto, per l’occasione, intorno a sé, la famiglia e i suoi più stretti collaboratori.

No comments

*