Il caso gonfalone a Stazzema tiene banco, botta e risposta tra Bertoni e Betti

0

VIAREGGIO – Il caso gonfalone viareggino mancante a Stazzema continua a tener banco, e il botta e risposta di Max Bertoni ( leggi anche:I grillini alla Liberazione di Stazzema, Bertoni: “Viareggio assente” ) con il sindaco Betti ( leggi anche:Viareggio assente alla Liberazione di Stazzema, Betti risponde a Bertoni ) prosegue:

“Caro Leonardo, permettimi di rivolgerti in prima persona e dandoti del tu.
In primis trovo scorretto che si utilizzi per una risposta a carattere tutto politico il sito del Comune di Viareggio, dove dovrebbe essere pubblicata solo comunicazione di tipo istituzionale. Un sito che ha una importanza tutta diversa da un quotidiano e dove tra l’altro non vi è neanche possibilità di veder pubblicate repliche, di fatto quindi una marchiana sproporzione.
Devo poi osservare che hai nettamente travisato la mia critica dei fatti, ribaltandola su un piano che non posso che definire illegittimo.
Nessuno, in nessuna comunicazione ha chiesto di “rendere omaggio” al Sindaco di Livorno, primo cittadino in un ruolo tuo pari. Ho fatto fatica nel cercare anche una sola frase che potesse far pensare questo e non l’ho trovata.
Al contrario mi sono limitato a sottolineare positivamente la vicinanza del Comune di Livorno alla Versilia ed al suo tragico passato, vicinanza espressa con la partecipazione alle ultime due celebrazioni legate a Sant’Anna.
Quanto al mio ruolo ed alle mie presenze a celebrazioni locali credo che anche qui si vogliano mettere sullo stesso piano due ruoli che sono invece profondamente diversi. Nello specifico: il mio ruolo di Consigliere Comunale di opposizione, che esercito nel rispetto delle mie funzioni e prerogative all’interno del Consiglio Comunale e delle Commissioni, per il resto – conscio comunque della responsabilità che posso eventualmente esercitare anche fuori da sedi istituzionali quali “persona conosciuta” – sono e mi considererò sempre e solo un cittadino come gli altri e come tale scelgierò (anche in base alla mia disponibilità) di partecipare ad eventi, celebrazioni e manifestazioni di natura varia. Ben diverso è invece il tuo ruolo di Sindaco e primo cittadino della città di Viareggio. Si è Sindaco 24 ore su 24, dentro e fuori il palazzo di Piazza Nieri e Paolini, con illimitata disponibilità. Non esistono domeniche e feste comandate, se c’è da impegnare qualche ora per rappresentare la città per cui ci si è candidati e si sono vinte le elezioni lo si fa, senza scuse. E soprattutto senza paragonare il proprio ruolo a quello di un Consigliere Comunale per giustificare un’assenza tanto pesante.
Non ho ancora ben capito quali fossero gli impegni del Primo Cittadino tali da far mancare la propria presenza a questo avvenimento la cui importanza è già stata da me sottolineata.
Faccio notare infine che il Regolamento per l’uso del Gonfalone recita all’articolo 5, primo comma: “il gonfalone dovrà essere portato da almeno un alfiere, eventualmente scortato da due agenti di polizia municipale, tutti in uniforme. In casi eccezionali, il gonfalone potrà essere portato da altro personale comunale”, non si ravvisa quindi l’obbligatorietà della presenza degli agenti di PM ed il susseguente impegno di spesa, ma anzi la possibilità di affidare il gonfalone ad altri”.
Rinnovo perciò la mia disponibilità per assicurare la piena rappresentatività di Viareggio e delle istituzioni in queste come altre celebrazioni, che come ho già avuto modo di dire, sono patrimonio di tutta la collettività e non devono essere terreno di scontro politico.

No comments