Il sindaco approva il drone bagnino, confermato il sequestro per quelli non autorizzati

0

FORTE DEI MARMI – “E’ un progetto che accolgo favorevolmente, così come tutti quelli che hanno come obiettivo il miglioramento della sicurezza sul territorio”. Il sindaco Umberto Buratti dice sì al drone-bagnino autorizzato. “La nostra maggiore preoccupazione – spiega il sindaco – è la sicurezza, non solo in volo ma anche a terra. E’ necessario, infatti, che questo nuovo strumento rispetti tutti gli standard di sicurezza imposti dalla normativa vigente in materia e venga gestito da persone adeguatamente preparate e in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie. Con queste garanzie, sono certo che questo progetto possa essere un ulteriore servizio per la sicurezza dei nostri bagnanti. Riguardo al drone in generale – prosegue il sindaco – ribadisco quanto ho già avuto modo di affermare qualche mese fa, ossia che per il suo utilizzo, oltre all’osservazione degli obblighi predetti, dovrà garantire anche il rispetto della privacy e della proprietà. Due regole fondamentali per un paese come Forte dei Marmi che vive di turismo e che da sempre fa della discrezione e della sobrietà la sua più importante peculiarità. Purtroppo, in questo momento l’infinita varietà di modelli, adatti a tutte le tasche e in vendita non solo nei negozi specializzati, ma anche e soprattutto su internet, rendono di difficile applicazione le nuove normative. Per questo confermo che, chiunque verrà trovato a telecomandare un drone non in regola negli spazi aerei del Comune di Forte dei Marmi, sarà sottoposto al sequestro del mezzo. Un provvedimento doveroso verso chi non rispetta le regole”. I droni, nati negli anni Novanta con scopi prettamente militari, adesso stanno conquistando il mercato anche per uso civile. Diversi gli ambiti del loro impiego, che vanno dalle riprese tv e del cinema, alle grandi installazioni per gli impianti industriali, al monitoraggio delle aree urbane e agricole, fino all’uso per le attività istituzionali come per le forze di polizia.

No comments

*