“Il sindaco non ci sente, ma i revisori dei conti mandano gli atti in Procura”

0

VIAREGGIO – “Il collegio ritiene che la situazione finanziaria dell’ente si aggravi di giorno dopo giorno, in assenza di atti ed iniziative certe, per cui ritiene relativamente ai propri rilievi di farne partecipe la procura della corte dei conti per le valutazioni di merito ed al fine di sollevarsi dalle responsabilità che la legge gli impone”. Parole molto dure quelle del collegio dei revisori dei conti del comune di Viareggio rispetto alla, disastrata, situazione finanziaria. Un atto che, se solleva da qualsiasi responsabilità i tre membri dell’organo amministrativo, dall’altra spengono, almeno in parte, gli entusiasmi della giunta Betti che vedeva, nelle ultime ore, anche dopo l’intervento del presidente della regione, Enrico Rossi, crescere le possibilità di salvezza “in corner”.

“Questo sindaco – attacca Massimiliano Baldini – malauguratamente toccatoci in sorte, deve smetterla di prendere in giro la città e tutti i viareggini, Marcello Lippi compreso che, molto probabilmente, non è al corrente di quanto hanno scritto i revisori dei conti nel loro ultimo comunicato.”

Ecco, nel mentre il sindaco, sorridente, parlava con il  CT mondiale, a pochi metri si teneva una drammatica commissione bilancio, alla presenza del ragioniere capo, di ben 12 consiglieri comunali e della stampa, dove piombava sui tavoli della sala consiliare il terrificante e tombale verbale n. 33 dei revisori.

“Vogliamo parlare ancora di senso di responsabilità ? –  continua il capogruppo del Movimento cittadini per Viareggio e per Torre del Lago –  Mi chiedo, di fronte ad una tale situazione così evidente per quale motivo il sindaco ed il suo cerchio tragico continuano a non sentirci ?.  C’è qualche motivazione particolare ?.  Ha a che fare con l’operazione della vendita della Viareggio Porto ?. Possibile che tanti avvocati presenti fra le fila della maggioranza non si rendano conto di quanto sta accadendo e che, come sollecitato dai revisori, finirà per occuparsene la procura ?.
Ma siccome il sindaco Betti e il suo vice non ci vogliono sentire sarebbe l’ora che tutti si rendessero conto che Betti va mandato a casa se vogliamo provare a risanare la città davvero. Del resto, quanto al picco di tassazione che prima o poi, commissario o non commissario – arriverà nelle tasche dei viareggini, basta leggere i regolamenti su Iuc e Tasi discussi ed approvati dal PD in commissione bilancio questa mattina”.

No comments