Inaugurata Villa Argentina, una festa per tutta Viareggio

0

VIAREGGIO – Una festa per tutta Viareggio. Così è stata vissuta l’inaugurazione di Villa Argentina, restituita alla città dopo 30 anni di abbandono e dopo un lungo e accurato restauro condotto dalla Provincia di Lucca. Una festa, appunto, che questo pomeriggio ha visto la partecipazione di tantissimi cittadini, ciascuno col proprio ricordo, con la propria suggestione. Numerose anche le autorità presenti, dal presidente della Provincia, Stefano Baccelli al presidente del consiglio provinciale, Andrea Palestini, passando per il commissario del comune di Viareggio, Valerio Massimo Romeo, il soprintendente BAPSAE Lucca e Massa-Carrara, Giuseppe Stolfi, il presidente della commissione cultura e istruzione del Senato, Andrea Marcucci e la parlamentare Manuela Granaiola.

Villa Argentina inaugurazione Un ringraziamento, nel discorso di Stefano Baccelli, è andato al suo predecessore, Andrea Tagliasacchi. Poi, a seguire, a tutti quelli che, in primis Andrea Palestini, hanno creduto nel progetto di riportare la storica villa ai suoi splendori. “Villa Argentina è Viareggio – ha affermato, commosso, Baccelli -, e mi è stata data come in una sorta di matrimonio combinato: io e la “signora Argentina”, che mi si diceva essere la donna più bella del mondo. Non la conoscevo ma l’ho subito amata, come una Elena di Troia della Versilia. Oggi è tornata a voi, ai viareggini. A chi ha sofferto per la strage ferroviaria, ma ha reagito, e che la curerà come un bene prezioso”.

Valerio Massimo Romeo 1 “Che serva per riportare Viareggio ad essere la Perla del Tirreno – ha affermato il commissario prefettizio Valerio Massimo Romeo, impegnato a rimediare i danni econonici del dissesto in cui la città è sprofondata dopo anni di scelleratezze. E le sue parole, concise e ferme, sono state apprezzate da chi, migliaia di cittadini, erano presesenti alla cerimonia del taglio del nastro.

Ad aprire la giornata è spettato alle voci bianche del Pucciniano che hanno intonato l’Inno di Mameli. Poi i ragazzi del liceo Scientifico “Barsanti e Matteucci” hanno accompagnato i cittadini con interessanti visite guidate alla Villa, mentre il catering è stato allestito dagli studenti dell’alberghiero “G. Marconi”.

(Reportage fotografico di Iacopo Giannini )

No comments

*