Inizia la scuola, la senatrice Granaiola agli studenti: “Studiare è fondamentale”

0

VIAREGGIO – “Sta iniziando il nuovo anno scolastico ed il primo giorno di scuola è sempre un avvenimento. E’ l’occasione per rincontrarsi con i compagni e le compagne, per riprendere il percorso degli studi, per riaccendere timori e speranze. E’ il timbro ufficiale sul termine delle vacanze, sull’arrivo dell’autunno, ma soprattutto sulla ripresa di un impegno che, quando fatto con scrupolo e serietà, è anche un lavoro difficile e faticoso,  per gli studenti e le studentesse, per tutto il corpo docente e per quanti assistono le attività scolastiche. Sull’impegno di chi studia e di chi insegna, non è retorica, si gioca il futuro del paese. So bene che queste parole, dette all’inizio dell’anno scolastico, faranno sbuffare più di uno studente e forse anche più di un insegnante. Molti studenti si domanderanno ma che studio a fare, perché perdo tempo a scuola se poi dovrò andare a fare il disoccupato. Più di un’insegnante ripercorrerà nella mente tutti i problemi del mondo e magari si fermerà qui e smetterà   di leggere la mia nota pensando: “le solite parole della politica ….”

La riflessione è della senatrice vireggina del Pd, Manuela Granaiola: Ma a chi, nonostante tutto, proseguirà nella lettura di queste righe voglio dire e ridire che se studiare, saper apprendere, conoscere è sempre stato importante, oggi è fondamentale. Nell’età della tecnica, nella rivoluzione digitale il sapere, il saper studiare ed essere disposti a farlo per tutta la vita, qualunque lavoro si faccia, è essenziale. E, nonostante tutto, anche trovare un posto di lavoro sarà più facile per chi sa e sa fare. Apprendere è essenziale per capire un mondo che diviene ogni giorno più complesso; per comprendere i progressi della tecnica e della scienza; per essere al passo con la tecnologia, per fare meglio qualunque cosa sarete chiamati a fare; ma soprattutto per essere un cittadino consapevole che vuole e sa far pesare le proprie opinioni.

Quella in cui viviamo è un’epoca strana, tanto pericolosa quanto densa di opportunità: certo i giovani hanno diritto ad esigere un sistema formativo di qualità ed adeguato; una scuola per tutti dove non il censo, ma il merito deve rappresentarne il vero asse portante; nel contempo i professori, quelli che fanno bene il proprio lavoro, hanno diritto ad aver riconosciuto il proprio ruolo. Ma in questa occasione, all’inizio di un anno scolastico, a voi giovani vorrei ricordare che la scommessa dell’apprendimento e della formazione è soprattutto una scommessa con voi e per voi stessi; è una scommessa difficile di consapevolezza, di creatività e responsabilità perché con i mezzi tecnici e d’informazione dei quali disponiamo è una prova comunque superabile, anche se purtroppo la scuola italiana  mostra ancora troppe lacune. In apertura dell’anno scolastico ho dunque ritenuto utile proporvi più che un saluto d’augurio uno spunto di riflessione. Intanto, comunque la pensiate , buon lavoro a tutto il mondo della scuola! Compresa la ministra Giannini !

 

No comments