“La Lega di Viareggio cerca di individuare quali possano essere alcuni punti fondamentali per una maggiore spinta turistica della città”

VIAREGGIO – “La Lega  di Viareggio cerca di individuare quali possano essere alcuni punti fondamentali per una maggiore spinta turistica della città”.

La nota arriva dal consigliere del Carroccio Alfredo Trinchese:

“E nel farlo non si può non rilevare come decoro e sicurezza siano sicuramente tra gli obiettivi fondamentali che una città deve avere per potersi realmente definire accogliente e turistica. Sicurezza che ad oggi manca sia a Viareggio che a Torre del Lago ed è assente in particolar modo in alcuni punti fondamentali della vita cittadina quali la stazione, il centro e le Marine. Mancanza di sicurezza testimoniata dai molteplici episodi di criminalità che si sono succeduti nel tempo e soprattutto e ben peggio da una generale sensazione di assenza del rispetto delle regole a cui però noi non vogliamo piegarci. Ben sapendo che essa dipende da Leggi dello Stato che ad oggi sono troppo permissive nei confronti di chi delinque, leviamo la nostra voce affinché cambi tale tendenza sia a livello legislativo che giuridico e che si possa tornare a vivere serenamente la propria città senza che soggetti spesso extracomunitari si rendano protagonisti di quotidiani episodi di una delinquenza e di un malcostume che purtroppo non vorremmo definire abituale. Leggi più severe, più fondi e più mezzi alle Forze dell’Ordine senza che nessuna Autorità sovranazionale possa limitare la nostra sicurezza e soprattutto meno presenza sul territorio di soggetti clandestini. Oltre a questo desideriamo avere una città con più decoro, inteso come bellezza dei propri spazi, non solo la minima pulizia che riteniamo scontata in un mondo civile. Per rimediare all’assurda perdita dei fondi regionali per la passeggiata, a cui ancor oggi non può darsi una logica e razionale spiegazione, spingiamo affinché il prima possibile si  possa tornare a vedere una passeggiata con un manto degno di tale nome, un mercato valorizzato nei suoi spazi e nei suoi imprenditori locali, un’illuminazione cittadina in grado di fungere da stimolo alla vita anche serale e da parallelo disincentivo alla criminalità, così come uno sviluppo della videosorveglianza su tutto il territorio comunale. Non sono sogni, ma realtà che si possono raggiungere attraverso un’amministrazione che abbia obiettivi chiari e volti allo sviluppo di Viareggio e del benessere dei Viareggini, cosa che ad oggi non accade. In un momento in cui il Comune non ha possibilità economiche si fare deve lasciar fare al privato, ovviamente nel rispetto dell’ambiente, delle leggi, delle persone e del vivere civile ma senza limitazioni che Comuni limitrofi non pongono rendendo Viareggio sempre un passo indietro rispetto a tali realtà. Più punti informativi in città, più cartellonistica che indichi i luoghi di attrazione, anche più pulizia di alcuni luoghi come ad esempio il lungo canale Burlamacca, che se da una parte offre uno spettacolo di meraviglia dall’altra mostra tutta l’insensibilità e l’inciviltà di chi butta sporcizia sugli scogli e di chi non ne prevede la pulizia. La sinergia privato pubblico deve essere permanentemente promossa in ogni settore da quello turistico a quello culturale, perché il pubblico deve essere a servizio del privato negli interessi della Comunità tutta. Noi incontreremo categorie e soggetti operanti in città per ascoltarne le necessità e promuoverne i bisogni e vigilar,  come sempre, sul bene della città che ad oggi purtroppo versa in uno stato di sonno dal quale la vorremo farla risvegliare.