“La Sinistra non vuole il presepe (e forse nemmeno il Natale), nostra identità a rischio”

1

PIETRASANTA – “La sinistra non vuole i presepi nelle scuole. Ne prendiamo atto. Probabilmente non è considerato importantepreservare, tramandare e promuovere il culto delle tradizioni ed insegnare ai nostri figli, soprattutto nelle scuole dove noi tutti abbiamo imparato il rispetto di certi valori, le fondamenta della nostre radici. La mia generazione, e quella prima di me, aspettava il Natale, aspettava di fare il presepe, aspettava il giorno dell’Immacolata per allestire l’albero di Natale. Sentire che non è più così importante per non offendere qualcuno sinceramente mi fa male prima di tutto come cittadino italiano e poi come cristiano”. E’ la presa di posizione di Alessandro Ronchi, consigliere comunale di Pietrasanta prima di tutto in replica alla nota di Marco Navari di Associazione Sinistra Lavoro. “Anche in questa occasione la sinistra cittadina, e così anche quella nazionale, ha dato un brutto segnale alla comunità: utilizzando la parola integrazione per sgretolare, giorno dopo giorno, la nostra identità e la nostra storia. La comunità di Pietrasanta non è ostile nei confronti di nessuna religione o confessioni. Il nostro è popolo orgoglioso della propria storia: il presepe, così come l’albero e tutte le altre ricorrenze, non dovrebbero essere messe nemmeno in discussione. Prendiamo atto che, nella nostra città, la sinistracittadina ha le idee confuse anche sui valori del nostro popolo. Un grande e sentito ringraziamento a nome di tutte le famiglie di Pietrasanta che invece non vogliono assolutamente staccarsi dalle tradizioni ma anzi trasferiscono sui figli, i valori del Natale che non sono soltanto consumismo, ma sono stare insieme in un momento dell’anno a cui nessuno vuole rinunciare perché è speciale. Infine mi riservo una battuta sull’illuminazione. “L’amministrazione ha speso tanto? Perché crede nel Natale e lo considera un momento importante anche per le attività commerciali. La gente va a fare shopping dove respira il Natale. L’illuminazione non piace solo alla sinistra. Chissà come mai”.

1 comment

  1. Aliso 1 dicembre, 2015 at 15:53 Rispondi

    Il consigliere Ronchi è in malafede o del tutto rintronato.
    Generalizza una emerita cazzata, forse di pochi strampalati.
    In casa mia, e sono di sinistra, si son sempre fatti albero e presepe. Così in casa di amici, molti amici.

Post a new comment

*