“La vicenda di Roma non può non richiamare alla mente quanto accadde a Viareggio”

0

VIAREGGIO – “La vicenda di Roma, in tutta la sua drammaticità e complessità, non può non richiamare alla mente ciò che accadde a Viareggio quasi un anno fa”. La riflessione, che pubblichiamo integralmente, è della senatrice del Pd Manuela Granaiola: “A Roma un drammatico dibattito politico che ha condotto il Pd a licenziare il sindaco; a Viareggio un guazzabuglio che è stato montato e sostenuto solamente additando i consiglieri – rei di aver scelto con convinzione il bene della città – come traditori, sleali e autori di chissà quale oscura macchinazione. Ottusa cecità di un gruppo dirigente che, negando ogni evidenza, rifiutandosi di andare ad una verifica con gli elettori (primarie) ed ignorando l’assenza di una qualsiasi strategia di risanamento, ha sostenuto e praticato ciò che poi risulterà una vera e propria disfatta del PD viareggino e versiliese. Sono i fatti che parlano: a partire dagli esiti delle successive elezioni viareggine, passando per mesi di diffamazioni e lacerazioni, fino a giungere alle successive scadenze che hanno evidenziato un crescente isolamento della versilia nel quadro politico toscano. Vicende per altro non isolate; sintomi di un malessere più profondo ed ampio ancora lontano dall’essere superato. Un malessere che ha messo a dura prova anche l’azione riformatrice del governo. A Viareggio è penoso vedere i consiglieri del PD alla mercè ed all’ombra della destra e della lega solo per poter dare un qualche segnale di sopravvivenza: a che costo! Mi chiedo ora se non sia venuto il momento di dare un forte segnale di discontinuità con il passato e soprattutto un concreto segnale di ricomposizione. Come ho sempre sostenuto anche nei momenti di maggior conflittualità, sono convinta che farebbe bene prima di tutto alla città e poi anche al PD che potrebbe tornare ad essere una forza attiva nelle scelte di governo della città. So bene che non è facile, non è facile superare d’un botto mesi e mesi di aspra conflittualità di principio più che di sostanza; ma nei momenti difficili le scelte difficilmente possono essere facili.

No comments

*