Ladri in fuga, uno dei malviventi minaccia col piede di porco il padrone di casa

0

TORRE DEL LAGO – ( di Letizia Tassinari ) – Polizia in via Butterfly, e un intero condominio per strada. Tutti in allarme per un doppio tentativo di furto, dove i ladri sono fuggiti prima di riuscire ad arraffare qualcosa, disturbati dall’arrivo dei proprietari di casa. “Erano in tre -ha raccontato agli agenti di una Volante  una delle vittime del colpo andato a vuoto, ma che ha recato danni, e paura: “L’accento era  italiano, li ho sentiti distintamente dire scappiamo sono arrivati i padroni”.

derubatoE il marito ha anche rincorso uno dei malviventi, lo ha afferrato alle spalle, ma questo, minacciandolo, gli ha brandito davanti agli occhi un piede di porco, poi di corsa ha raggiunto una Station Wagon, Mazda o Ford, grigio metallizzato, parcheggiata a meno di centro metri, dove ad attenderlo c’erano i complici e il palo – “Sono partiti a razzo, sgassando, e a fari spenti”. Qualcuno dei vicini ha infilato le chiavi nel cruscotto e si è messo all’inseguimento dei fuggiaschi,  ma li ha “persi” nella strada che porta alla vicina rotonda da cui si accede alla rampa di ingresso della Variante Aurelia. Utilizzando una scala, trovata nel giardino, i ladri si sono arrampicati sul terrazzo al primo piano, e forzando la porta finestra della cucina sono entrati nel primo appartamento, mettendo a soqquadro tutte le stanze, rovistando negli armadi e nei cassetti e togliendo dalle pareti i quadri, alla ricerca della cassaforte. Poi, non trovando nulla di interessante, hanno cercato di violare l’appartamento adiacente. Uno dei tre, alto circa un metro e 70, tarchiato, barba incolta, sui cinquant’anni, chi se lo è visto davanti, piede di porco in mano, sarebbe in grado di riconocerlo.  E mentre a Viareggio si manifesta con una grigliata in strada, tra Via Maroncelli e Via Leopardi, contro la violenza e il crimine, per riprendere in mano la città, la caccia ai malviventi da parte della Polizia è appena iniziata, e si indaga a tutto tondo.

( foto di Letizia Tassinari )

No comments

*