“Le associazioni sportive meritano più rispetto”

0

VIAREGGIO – “L’ Amministrazione Comunale intende stipulare con la Viareggio Patrimonio un contratto di comodato gratuito riguardante la gestione degli impianti sportivi, chiedendo poi agli attuali gestori di proseguire l’attività fino all’espletamento di nuove gare”. La nota stampa che pubblichiamo integralmente è del capogruppo consiliare del Pd Luca Poletti: “Il tutto però a condizioni diverse dalle attuali e senza il riconoscimento di nessun contributo economico da parte del comune. Forse sfugge che in molti casi il contributo serve per riuscire a tenere aperti gli impianti che continuano ad essere al servizio della città, grazie allo sforzo delle tante associazioni che si sono adoperate in questi anni per mantenere aperte le, ormai fatiscenti, strutture sportive. Alcune di  queste società ad oggi, tra l’altro, hanno maturato crediti che se anche venissero in qualche modo pagati, non coprirebbero l’indebitamento che queste hanno accumulato . Le domande che ci poniamo sono : come potranno i gestori arrivare fino alla fine della stagione senza un contributo e con le attuali tariffe che risultano tra le più basse della Toscana? Come mai la Viareggio Patrimonio dopo il fallimento e l’avvio dell’esercizio provvisorio, non ha disdetto i contratti con le Associazioni ? Sono allora ancora in essere ? E quindi, nel caso l’Amministrazione Comunale si riprenda in comodato gli impianti per il tempo che durerà l’esercizio provvisorio di Vg Patrimonio, come potrà procedere a fare delle gare di assegnazione su impianti non suoi ? Detto ciò riteniamo che lo sport e tutte le Associazioni meritino più rispetto e un maggior dialogo con l’ Amministrazione Comunale, che deve ascoltare quali sono i problemi e le difficoltà che si presenteranno con una tale scelta politica che può comportare, sia la chiusura degli impianti stessi sia un un concreto rischio di aumento indiscriminato delle tariffe, per utenti e famiglie, facendo venir meno anche la funzione sociale dello sport cittadino.
Serve un piano preciso che analizzi nel dettaglio la situazione di ogni impianto, attraverso anche una attenta analisi economica sia in merito all’attività specifica che una stima dei lavori necessari. Va definito con la curatela e il tribunale  la natura di disponibilità o indisponibilità dei beni.
Proprio per questo nei prossimi giorni ci faremo promotori  di un’iniziativa pubblica su questo importante argomento.

No comments

*