Lettera – denuncia di una paziente del San Luca: “Non accetto di essere una vittima del sistema”

9

VIAREGGIO – Una lettera aperta, quella di una nostra lettrice, inviata al presidente della Regione Toscana, al sindaco di Lucca, al presidente della Provincia, alla direzione sanitaria dell’ospedale di San Luca, e per conoscenza a noi di tgregione.it, con preghiera di pubblicarla. Non si tratta di lettera anonima, ma per la privacy della persona, tra l’altro malata, e sotto chemio terapia, riporteremo integralmente il contenuto della missiva, omettendo il nome e cognome:

“Succede, ma non dovrebbe MAI accadere, sentire rifiutare dell’acqua a chi per giunta é attaccato ad una macchina per diverse ore, da una infermiera, che con i medici sono gli angeli degli ospedali, costretta a dire “per motivi politici non possiamo”.
Succede, ma NON DOVREBBE mai accadere, vedere dei pazienti costretti ore in una saletta per la scintigrafia ossea, coperti con lenzuola perché l’aria condizionata ININTERROTTAMENTE ACCESA, li e in tutti gli altri ambienti dell’ospedale a scapito della salute di tutti, dipendenti in primis, obbligati a lavorare in ambienti in cui non é possibile aprire una finestra.
Succede, ma non dovrebbe mai accadere che in un ospedale, trovi un solo bar,  niente macchinette, una banca, non un semplice sportello per prelevare, ma non LA FARMACIA, per quella devi andare ad un altro ospedale, al “vecchio”.
Succede che i parcheggi sono in pieno sole, insufficienti e da pagare profumatamente per tutti, nessuno escluso: DIPENDENTI, PAZIENTI, PARENTI, TUTTI e SUCCEDE ANCHE CHE SPUDORATAMENTE E VERGOGNOSAMENTE SI SCRIVA E SI DICHIARI IL FALSO facendo apporre in TUTTI I BAGNI la scritta NON POTABILE perché tutti vadano in quell’unico bar, magari ci va il parente e se mancano i soldi va alla banca. SUCCEDE ANCHE CHE QUALCUNO A SUE SPESE FACCIA ANALIZZARE L’ACQUA anche perché sapere che tutti, anche nei reparti di chemioterapia con difese immunitarie bassissime sono trattati, anche solo per lavarsi le mani, con acqua non batteriologicamente pura NON É CONCEPIBILE ed allora tutto é CHIARO quando VERIFICHI CHE l` ACQUA invece É POTABILE. Tutto é VERGOGNOSAMENTE CHIARO, ancora una volta I DIRITTI INVIOLABILI sono stati calpestati da chi come voi sa solo speculare SU TUTTO ED I TAGLI DI CUI SAPETE RIEMPIRVI LA BOCCA CONTINUATE A FARLI SULL’ UNICO BENE REALE: LA DIGNITÀ, LA PROFESDIONALITA’, e IL BENESSERE DEI NOSTRI SIMILI. Prendere finanziamenti quelli dall’ Europa, quelli che i partiti possono gestirsi per spostare poltrone, appalti, giochi di potere, per durare più possibile, a colpi di fiducia e finte liti, ed arraffare quanto più possibile sotto la regia del dispensatore della disinformazione italiana che nell’ ultimo ventennio ha scelto da navigato sceneggiatore inebetiti fantocci sulla base di accertati reati di ignoranza e non solo, facendo ammalare l’ Italia sempre più. Ed anche in Toscana i partiti non hanno perso l’occasione per lasciarci indebitare con il project financing per i 4 “nuovi” ospedali, mettendo su inefficienti e brutti contenitori come scatole di fiammiferi violando e speculando anche sulla bella e ricca d’acqua Lucca, MENTRE si lasciano finanziamenti all’ Europa che invece sarebbero utili per essere tutti noi cittadini più liberi.  Sappiate che voi SIETE I RESPONSABILI davanti a DIO ed irresponsabili nei confronti dei vostri fratelli ed io, invece, SONO UNA PAZIENTE del “nuovo” ospedale San Luca di Lucca MA NON accetto di essere UNA VITTIMA del VOSTRO SISTEMA. Nonostante i tanti veleni e le tante cattive azioni che vengono fatte ai danni di tutti noi, voglio credere nel CAMBIAMENTO ed in un RINNOVAMENTO della società e prima ancora delle coscienze “

9 comments

  1. Associazione per non morire 21 novembre, 2014 at 10:02 Rispondi

    Spettabile Redazione,
    a completezza di quanto sopra, vi invitiamo ad andare sulla nostra pagina FB Associazione per non morire no profit e:
    leggerete quanto da noi scritto, dichiarato, e….quanto in tutto questo un dipendente-socio-cittadino ha una contestazione disciplinare a suo carico.
    Siamo chiari, nessun conflitto, nessuna acredine, nessun atto sovversivo….solo quello che la Signora che vi ha scritto, secondo noi detta: fedeltà ai cittadini bisognosi e non agli apparati di rappresentanza.

  2. Alfreda 21 novembre, 2014 at 12:51 Rispondi

    certo che succede,
    Succede in un posto dove obbligano a farti levare le macchinette altrimenti vanno a scapito del bar, nel quale prendono gente incompetente ma figlia di dipendenti ospedalieri o ragazze di “facili costumi”.
    D’altro canto la gente non ci sta a farsi prendere in giro cn paste secche e vecchie e panini da 5€ congelati.
    Penso che questa sia l’opinione generale non solo dei lucchesi ma di tutti coloro che a loro discapito o meno si sono ritrovati dentro quel “congelatore” di ospedale

    • Luisa 22 novembre, 2014 at 09:49 Rispondi

      Al di là dei problemi di salute della signora che sicuramente rattristano, pensare che scrivono nei bagni acqua non potabile per farla comprare al bar mi sembra veramente una forzatura non penso che la cosa sia in funzione del bar interno, che poi assumono gente incompetente ed addirittura di facili costumi, bah mi sa tanto di trombatura alle selezioni con relativo e naturale retrogusto amaro in bocca, ed infine viene da pensare ma gli ospedali non sono 4 e non sono tutti uguali ? Come mai solo il San Luca è sbagliato e sempre soggetto solo ad attacchi ? Mmmmm vuoi vedere che il magna magna che é durato per tanti anni dentro il vecchio campo di marte é di colpo svanito ?

      • Nadia 25 maggio, 2015 at 13:39 Rispondi

        Gli ospedali sono 4 anche se per ora ne sono aperti solo 3. In tutti ci sono i soliti problemi: infiltrazioni d’ acqua, pavimenti che “sbollano”, parcheggio a pagamento (credo solo a Pistoia ci sia un’ area dove per ora si può lasciare l’auto senza pagare). Le lamentele non ci sono solo al S. Luca ma anche negli altri. Il “magna magna” c’ è eccome. Non si fanno mancare niente, vanno dall’ aperitivo all’ ammazzacaffè e tutto a nostre spese.

  3. franco 21 novembre, 2014 at 18:16 Rispondi

    Tutto vero tutto peggio e ti intimano ai dipendenti silenzio..pena denuncia o licenziamento..e lavoratori delle coop sfruttati e malpagati senza diritto di parola sindacati cgil cisl uil proni ai dirigenti..

  4. Lia 24 novembre, 2014 at 08:14 Rispondi

    Sono stata recentemente a trovare una signora di 80 anni , in cardiologia.
    Prima sorpresa devo pagare il parcheggio, subito ho pensato a chi doveva rimanere non un ‘ ora ma per giorni! Indecenza,
    La signora in una piccola stanza a due ( dopo avere attraversato enormi corridoi vuoti , così labirintici che anche il personale non sembra ritrovarsi granché )
    Era contenta perché adesso nonostante la porta obbligatoriamente sempre spalancata, e le finestre sempre serrate, aveva la fortuna della vicinanza di una donna accanto a se e non di un uomo come nella rianimazione, dove aveva dovuto essere lavata completamente nuda sul letto, provocandole evidente umiliazione, nonostante una tendina di separazione, ma visibile dai corridoi.
    Privacy 0, rumore invece non manca.
    Era prevedibile, nessuno a lucca ha capito perché costruire un secondo ospedale, quando il primo andava discretamente bene. Io ho già detto in casa che se mi succedesse qualcosa subito altrove, ho il terrore. Durante la costruzione, un giovane medico, stanchissimo x il turno prolungato, si sfogo’ dicendo, mura , mura, perché non su,entrano il personale invece di costruire altre mura, magari fragili come queste ( eravamo in un. Nuovo reparto del campo di marte circa 2007-8 , e mi disse di non appoggiarmi a quella parete she era di carton gesso!,
    È ovvia la speculazione edilizia, perché chiudere un ospedale funzionante, aumentate nel nuovo reparti con specializzazioni diverse, magari un centro tumori dignitoso, visto che x questo a lucca si muore come cavallette.

  5. daniele 25 aprile, 2015 at 10:25 Rispondi

    E adesso con la “riforma rossi” le cose peggioreranno ulteriormente. Mega aziende ingestibili, gestione privata della sanità e tagli ulteriori al già poco personale sanitario. Che dire, avevamo un buon sistema sanitario…le politiche sbagliate di un signore che è 15 anni che gestisce in assoluta solitudine il sistema sanitario regionale, sta portando al disfacimento del sistema pubblico.
    Buchi economici milionari senza che i controllori regionali ne sapessero nulla (?), soldi regalati alla Fondazione Monasterio per non fare più quello che faceva quando era IFC del CNR, sostituzione di personale infermieristico specializzato con personale tecnico formato 10 volle meno di un infermiere.
    Questa è la sanità del prossimo futuro…Rossi, dopo la giravolta per diventare renziano ci regalerà tutto questo.

Post a new comment

*