L’omaggio di Pietrasanta a Franco Miozzo

0

PIETRASANTA – Ad omaggiarlo c’erano tutti: i figli Anna e Riccardo, nipoti e pronipoti, gli amici, gli allievi, i tanti appassionati del suo linguaggio artistico così personale e così internazionale al tempo stesso. Franco Miozzo è stato un grande artista e in un chiostro di Sant’Agostino gremito, lo hanno ricordato sabato in molti: da Lodovico Gierut a Carlo Carli, da Giovanni Bovecchi a Cristiano Mazzanti, da Umberto Guidugli al sindaco Domenico Lombardi, ma le parole più emozionate sono state quelle della figlia Anna “Abbiamo voluto presentare nostro padre come non lo avete mai visto – ha detto – quello più intimo e profondo che emerge dai molti inediti esposti e da poesie e scritti che la famiglia ha scoperto per la prima volta in questi mesi di ricerca e selezione”. Un Miozzo che disegna o dipinge i suoi “eroi”: i contadini, le madri, i cavatori; un’umanità dai forti valori, fermamente ancorata a terra, ma con lo sguardo proteso verso il sacro. Il percorso espositivo si apre sui suoi disegni, intervallati da sculture, nella chiesa di Sant’Agostino, quindi prosegue nelle sale con pittura astratta e figurativa. “Sono molto orgoglioso di questa mostra – ha detto il sindaco Lombardi – che insieme alla famiglia abbiamo voluto con forza. Da Acci alla famiglia Tommasi, con cui chiuderemo l’anno espositivo, abbiamo scelto di valorizzare le nostre radici artistiche più pregiate, riscoprendo una vetrina di grandi protagonisti dell’arte del Novecento”. E dal Presidente della BVLG Umberto Guidugli è partita una proposta: “Occorre dare una migliore collocazione all’opera “Propulsione”, installata in piazza Crispi nel 2003. Meriterebbe un’altra visibilità”. Proposta che il sindaco ha promesso di tenere in considerazione.

La mostra resterà visitabile sino all’8 dicembre nell’orario 16-19, chiuso il lunedì. Ingresso libero.

No comments

*