L’uovo, simbolo di vita che nasce, di continuità e di mistero

0

PIETRASANTA – L’uovo, simbolo di vita che nasce, di continuità e di mistero. La sua forma ancestrale ha percorso millenni tra le civiltà della Terra offrendo insostituibili fonti di ispirazione ad artisti e pensatori. Nell’iconografia pagana è simbolo di fertilità, una festa della primavera, della rinascita, mentre nell’iconografia cristiana l’uovo si fa simbolo diretto della resurrezione. In ogni caso la sua forma armoniosa ha conquistato la riflessione artistica, con soluzioni diverse ed originali da Piero della Francesca a Salvador Dalì.

Dal 21 marzo al 12 aprile piazza del Duomo e l’adiacente chiesa di Sant’Agostino offriranno lo scenario a “N’UOVO”, un originale percorso nell’arte contemporanea, nella riflessione pasquale dello scultore georgiano Vazha Mikaberidze, ovvero Prasto. La resurrezione delle forme e dello spirito, simbolismi e astrazioni vestono la piazza e la chiesa con le loro profondità, costruendo un nuovo paesaggio urbano che sull’antico si specchia e dall’antico si genera. Le sculture sono immense uova di bronzo o di acciaio, di alluminio o ceramica, oppure di aria impalbabile, definite dal loro vuoto sulla materia. Da pochi centimetri a diversi metri. Tre saranno le opere monumentali che animeranno la piazza: una al centro, una sul sagrato del prezioso Duomo marmoreo, mentre le medie e piccole dimensioni saranno ospitate in un suggestivo percorso nella navata unica della chiesa di Sant’Agostino, scandita da tre livelli scenografici.

La mostra è una iniziativa dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pietrasanta. Questa mattina sono già iniziati i lavori di allestimento in piazza del Duomo

No comments

*