“Ma che vuole Mallegni, ma come si permette di andare a giro?”

3

PIETRASANTA – “Ma che vuole il Mallegni? Se ne stia in casa sua. Ma come si permette il Mallegni d’andare a girare per il territorio, magari cercando di dare conforto a qualche famiglia che il pino gli ha distrutto il tetto”. Inizia cosi la nota stampa, che pubblichiamo integralmente, a firma di Andrea Cosci, capogruppo del PdL – Fi: ” Perché gira per le strade che dopo ancora quasi una settimana non sono percorribili, come si permette. Perché va a Strettoia dove l’Amministrazione è stata latitante e ha abbandonato la frazione, forse vuole dare sostegno a chi non ha visto per giorni nessuno degli Amministratori? Ma che dice il Mallegni che in Versiliana c’erano a lavorare, mentre tutto il territorio era disastrato e la gente non riusciva nemmeno a uscire da casa per recarsi al lavoro. Ma che gli interessa al Mallegni se si sincera o denuncia situazioni di disagio di famiglie o di aziende prive di energia elettrica o addirittura di acqua oramai da giorni. Che s’interessi dei fatti suoi. Perché dice che in questo momento drammatico per i nostri concittadini non è una priorità ripulire la Versiliana, avranno lo stesso diritto gli Elfi e i Puffi che vivono nel parco di quelli che pagano le tasse?. A proposito di tasse, lo sa il Mallegni che le bugie hanno le gambe corte? Perché in questi anni ha sempre detto che a Pietrasanta sono aumentate le tasse in modo sproporzionato, mettendo in ginocchio l’economia e le famiglie Pietrasantine? Con le sue affermazioni ha fuorviato anche un quotidiano nazionale come Repubblica, tipico quotidiano del Centro destra, dove in questi giorni si pubblicava un resoconto, dove Pietrasanta è la prima città in Toscana con la più alta tassazione procapite dal 2011 al 2013, bugiardi entrambi!. Non si permetta Mallegni di parlare con nessuno, altrimenti si potrebbe pensare che lo fa per la campagna elettorale, mentre il Forassiepi può andare dove vuole, fare gli incontri che vuole con i cittadini, ma lui non fa campagna elettorale. Per ultimo, così speriamo che il Mallegni se ne vada anche da Pietrasanta, non faccia richieste assurde come la sospensione delle tasse verso i cittadini e le aziende, che si troveranno in difficoltà poiché dovranno pagare sia le imposte sia i danni subiti dal disastro del 5 marzo. Queste sue dichiarazioni di una settimana fa, possono indurre in confusione e far richiedere le stesse cose all’Associazione degli artigiani (CNA) e farli passare per demagogici e rivoluzionari. Basta Mallegni di fare proposte per trovare finanziamenti per rimboscare la Versiliana, poi il Sindaco si offende perché anche lui aveva delle idee, non si sa quali ma le aveva”.

3 comments

    • Once upon a time 16 marzo, 2015 at 15:37 Rispondi

      Diciamo che gli alberi tirati giù non sono proprio due; in ogni caso senza volere accendere nessuna polemica, la triste verità è che pur di arrivare al potere non si guarda più in faccia a niente e a nessuno. La politica, quella seria è altra roba, purtroppo !

  1. aldo domenici 18 marzo, 2015 at 07:39 Rispondi

    Appunto, ma che cosa vuole il ” Sig.” Mallegni ? Con quale diritto si fa scorazzare con auto pubbliche?
    ci sembra che danni ne abbia già fatti a sufficienza, è vero è stato assolto dai reati imputati, ma anche Berlusconi è stato assolto, magari con qualche “aiutino ” di leggi ad personam

Post a new comment

*