Mai più strade allagate, stanziati 87mila euro per le fognature

0

VIAREGGIO – Prevenire gli allagamenti, individuare presto e bene guasti o malfunzionamenti, predisporre un piano coordinato di interventi sulle fontane ornamentali: questo l’obiettivo che si pone l’Amministrazione Del Ghingaro con lo stanziamento di oltre 87mila euro per i lavori di manutenzione che serviranno a ripulire tubazioni e cavitoie soprattutto lungo le sedi stradali.

Nel dettaglio, 48mila euro saranno finalizzati alla pulizia sia della fognatura bianca che delle vasche delle fontane monumentali, 39.200 euro invece per i lavori di manutenzione alle stazioni di sollevamento e per l’installazione del sistema di telecontrollo.

 

«La rete fognaria per la raccolta e lo smaltimento delle acque meteoriche necessita urgentemente e continuamente di manutenzione – commenta l’assessore Federico Pierucci -: rifiuti, foglie, semplicemente rena o anche coriandoli, possono causare intasamenti e rallentamenti nel deflusso della pioggia e al primo temporale ne vediamo le conseguenze».

 «A questo si aggiunga il fatto che per poter di garantire il corretto funzionamento delle fontane ornamentali è doveroso provvedere alla pulizia delle vasche – continua Pierucci -: un piano dei lavori coordinato è indispensabile per evitare interventi spot spesso più costosi e soprattutto meno risolutivi».

Riguardo invece le stazioni di sollevamento, in tutto sono 7 tra Viareggio  e Torre del Lago, si parla di interventi manutentivi sia dal punto di vista meccanico che elettrotecnico.

«Il malfunzionamento o peggio,  il non funzionamento,  delle pompe di sollevamento, situate all’interno delle vasche di raccolta delle acque meteoriche, può provocare seri problemi alla rete fognaria pluviale cittadina – spiega Pierucci – e  conseguentemente  seri pericoli alla viabilità  per la formazione di  allagamenti che possano  impedire  il transito  in piena sicurezza».

Nel dettaglio, saranno ripulite le vasche di raccolta invase da fanghi e rifiuti di ogni genere che nel corso degli anni si sono depositati. I quadri elettrici delle stazioni dovranno poi essere opportunamente un apparecchiatura di telecontrollo per il rilievo automatico di malfunzionamento e relativa  attivazione di chiamata per il pronto intervento.

«Interventi – conclude Pierucci – che hanno il loro punto di forza nella prevenzione e che serviranno a mantenere efficienti i sistemi di raccolta e di smaltimento delle acque e per evitare gli allagamenti a cui siamo purtroppo stati abituati negli anni passati».

 

 

No comments

*