Manca l’autorizzazione: il presidente del Parco delle Apuane blocca una cava a Levigliani

STAZZEMA – Il presidente del Parco delle Apuane Alberto Putamorsi con ordinanza n. 2 del 18.05.2018 ferma i lavori realizzate dalla cooperativa Condomini Lavoratori Beni Sociali presso la cava “Tavolini B. in difformità dalla pronuncia di compatibilità ambientale e dal nulla osta del Parco. Nella zona nord est della cava Tavolini B i controlli effettuati dal Comando dei Guardiaparco hanno scoperto uno scavo nel piazzale intermedio (realizzato in galleria avente dimensioni di circa 9,40 metri di larghezza, 5,50 metri di altezza e 16,00 metri di profondità), per un volume di circa 827 mc di materiale lapideo. Lavori effettuati all’interno dell’area contigua di cava per cui sarebbe servita la pronuncia di compatibilità ambientale e il nulla osta del Parco. Da qui l’ordinanza del Presidente Putamorsi che prevede “l’immediata sospensione delle lavorazioni eseguite in difformità dalla Pronuncia di Compatibilità Ambientale e dal Nulla osta del Parco”e “la riduzione in pristino, la risistemazione e l’eventuale ricostruzione dell’assetto morfologico ed idrogeologico e delle specie vegetali ed animali” nonché la risistemazione ambientale delle lavorazioni eseguite in difformità e la ricostruzione dell’assetto precedente le opere difformi. La ditta, la Cooperativa Condomini Lavoratori Beni Sociali Levigliani a r.l., con sede in Levigliani nel comune di Stazzema, avrà 30 giorni di tempo dalla notifica dell’ordinanza, per presentare un progetto di riduzione in pristino e risistemazione ambientale dell’area.