Manif Pour Tous Italia: accuse di omofobia surreali e strumentali

0

VIAREGGIO – “Non capisco come si possa trovare nell’immagine di una semplice famiglia il segno di sentimenti omofobi e addirittura razzisti”. A chiederselo è Filippo Savarese, portavoce nazionale di Manif Pour Tous Italia, la cui nota stampa, pubblicata su Facebook e che riportiamo integralmente, arriva “dopo le polemiche di alcuni consiglieri comunali di Empoli e Firenze ( a contestare la loro manifestazione fiorentina era stato, come riporta Geonews, Alessio Rossi del Pd, ndr ) per l’esposizione in città di una bandiera di 600mq raffigurante il logo dell’associazione, una famiglia appunto”, e dopo la “bufera” viareggina dove a gridare all’omofobia erano stati numorosissimi residenti ( leggi anche: Chi ha autorizzato questo scempio omofobo?). “Con l’esposizione della bandiera – continua Savarese – non intendiamo far altro che riaffermare la centralità della famiglia nella dimensione antropologica e sociale, in perfetta coerenza col dettato Costituzionale”. Quanto alle polemiche sui permessi, Savarese aggiunge: “Cerchiamo di mantenere un effetto sorpresa perché abbiamo ricevuto minacce da parte di chi contesta la nostra attività. Comunque esponiamo sempre la bandiera all’alba per non creare minimo intralcio e sempre per i 5 minuti scarsi che servono per scattare una fotografia. Le polemiche su permessi e multe mi sembrano pertanto strumentali e temo che nascondano invece l’intento di punire le nostre opinioni per intimorire chi le sostiene”.

 

 

No comments

*