Massimiliano Baldini alla primarie? “Non ero e non sono nè favorevole nè disponibile”

0

VIAREGGIO -( di Letizia Tassinari ) –  Le elezioni si avvicinano, e se nel centro sinistra, ancora, chi sarà il candidato a Sindaco è un mistero, tra voci che si contrappongono su con Stefano Poletti, l’ex sindaco Leonardo Betti e, da di là del monte, Giorgio Del Ghingaro, “favorito” di Rossella Martina, Pasquale Sgrò e la senatrice Manuela Granaiola, sul “fronte opposto” un nome è certo: Massimiliano Baldini, sostenuto, al momento, sia dalla sua lista civica, il Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago, che dalla Per Torre del Lago e dal Partito Liberale e Lega Nord.

Forza Italia, dicitur, sarebbe pronta a sostenerlo, a patto, però, e questa sarebbe la conditio sine qua non, che Baldini e la sua candidatura escani dalle primarie. E i nomi, tra i contendenti, sarebbero quelli di Alessandro Santini e Davide Marcucci. Vista la “voce”, la domanda al “papabile” Baldini, che metterebbe d’accordo tutto il centro destra, in caso di vittoria a questa sorta di “selezione” è un atto dovuto.

L’avvocato Massimiliano Baldini alle primarie?  “Il sottoscritto, ormai da sei anni,  rappresenta il punto di riferimento di una lista civica – il Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini – e, grazie all’appoggio anche della Per Torre del Lago Puccini, la mia candidatura rimarca con forza questa matrice civica – spiega Baldini – mi fa molto piacere che questo presupposto sia stato apprezzato anche da due partiti dal tradizionale riferimento e radicamento popolare come PLI e Lega Nord Toscana che, sin da subito, hanno condiviso la mia candidatura. Venerdi’ prossimo e’ gia’ fissata la conferenza stampa di ufficializzazione della candidatura, per questo motivo non ha senso parlare di primarie verso le quali, peraltro, come era noto a tutti, non ero e non sono ne’ favorevole ne’ disponibile”.

Un no secco, quindi. e Baldini aggiunge: “Ribadisco che, fermo il presupposto civico che ho sottolineato, il sottoscritto e l’alleanza che si e’ gia’ formata intorno alla mia candidatura e’ aperta e disponibile ad ulteriori allargamenti della coalizione, sia di liste civiche che di partiti politici, a condizione che siano chiari e condivisi i presupposti di fondo”.  Presupposti che, come noto, sono quelli di uno stretto rispetto del principio di legalità e buona amministrazione, della consapevolezza che il Comune di Viareggio e’ in stato di dissesto dichiarato e avrà tre compagni di viaggio inseparabili come l’O.S.L,  il Testo Unico ed il Codice Civile e che i cittadini chiedono a gran voce un forte e dimostrato cambiamento e rinnovo della classe dirigente politica che ha governato fino a ieri: ” Condivisi questi presupposti, sul piano programmatico, in attesa di definire insieme a tutti gli alleati il programma elettorale nei suoi aspetti centrali, mi pare che il risanamento del bilancio dissestato, la sicurezza delle persone, delle famiglie e delle imprese, il decoro urbano e la riorganizzazione della macchina comunale possano essere già quattro temi sui quali il prossimo Sindaco dovra’ essere inflessibile. Ovviamente tutti finalizzati al rilancio dell’economia cittadina”.

Questo è tutto, e l’arrivederci è alla conferenza stampa: “Abbiamo scelto un luogo insolito. Lo comunicheremo nei prossimi giorni”.

No comments

*