“Mio figlio non è quell’Alessio Fialdini, si tratta di omonimia”

0

TORRE DEL LAGO – Un caso di omonimia, e il padre, disperato, ha scritto alla stampa. “In questi giorni è stata riportata la notizia  sugli sviluppi delle indagini del delitto della notte di Halloween e sono stati riportati i nomi degli indiziati, maggiorenni, per l’omicidio aggravato di Manuele Iacconi”. Fra quei nomi, come noto, figura Alessio Fialdini, 18 anni compiuti lo scorso gennaio, ma l’indagato, precisa il padre Andrea “nulla ha a che fare con mio figlio che i 18 anni li ha compiuti il 20 agosto”. Non solo, non sono memmeno parenti. “La casualità della omonimia e della stessa età ha di fatto creato problemi a mio figlio con la scuola, tra gli amici, turbando la sua tranquillità di studente alle prese con il suo anno di maturità. Non ultimo anche alla mia famiglia, rapporti coi colleghi di lavoro miei e di mia moglie, con i nostri familiari ( abbiamo entrambi anziani malati di cuore  ) e le nostre amicizie. Ci siamo visti defraudati della nostra intimità familiare”. L’Alessio Fialdini omonimo è del tutto estraneo ai fatti accaduti in Darsena la notte di Halloween, e Tgregione.it, ha sentito il dovere, anche morale. di dare voce al padre, per fugare ogni dubbio.

No comments

*