Miracolo:”Il Club Nautico ha offeso il nostro sindaco, ne faremo uno senza zombie”

2

VIAREGGIO – “Il Ristorante del Club Nautico di Viareggio ha offeso il Nostro Sindaco accampando un pretestuoso rispetto delle regole”.

Il post su Facebook è a firma dell’avvocato Fabrizio Miracolo, presidente di Sea, con circa 100 tag, dopo il “caso” bermuda, con il sindaco Giorgio Del Ghingaro fatto accomodare fuori per l’abbigliamento proibito dal regolamento del Club Nautico ( LEGGI ANCHE: Sindaco in bermuda al ristorante: “Sono stato invitato ad uscire dal locale”  ) e la risposta dello stesso ristorante ( LEGGI ANCHE: Sindaco cacciato perchè in bermuda, il Club Nautico: “C’è un regolamento con due cartelli” )

“Posso testimoniare che più volte sono stato a cena ed a pranzo con bermuda e ciabatte negli anni scorsi. Non conosco il nobiluomo che gestisce il luogo di cotanta aristocrazia, appena possibile non esiterò ad esprimere a lui ed ai suoi sodali tutto il mio disprezzo.
Non ci riuscirete….si cambia. Su iniziativa dei vivi faremo un’altro Club Nautico più bello e con meno muffa insomma senza zombie”.

 

2 comments

  1. Burla 10 agosto, 2017 at 14:45 Rispondi

    Eh si. É proprio un gran problema. Stavo pensando se iniziare uno sciopero della fame o no per La solidarietà. Vi tengo aggiornati é. Saluti.

  2. Giuseppe De Stefano consigliere comunale del Gruppo Misto 10 agosto, 2017 at 14:51 Rispondi

    Che GDG sindaco viareggino, proveniente dalla piana di Lucca, dei cui borghi rurali è stato sindaco/Potestà per 2 mandati, quindi un “tipino” molto tronfio di se e arciconvinto che tutto gli è consentito, anzi, assai alieno a rispettare forme e regole da altri decise, vedi i soci privati del noto club nautico di Viareggio, prima o poi, quivi od altrove, sarebbe scivolato su una buccia di banana era cosa ventilata dai più e l’evento è accaduto. Il guaio per la Città, è la negativa divulgazione avvenuta sui tg locali, regionali e nazionali della goliardica trovata del Primo Cittadino di Viareggio di rendere pubblico sul suo blog di essere stato cacciato dal ristorante di un noto club nautico privato, perché in abbigliamento non consono alle regole fissate dai soci. Sarebbe ora che, a parte il cerchio magico e la corte dei miracoli, dei consiglieri di maggioranza invitassero il GDG a tenere un comportamento consone al Primo Cittadino di Viareggio, una comunità cosmopolita dotta e culturalmente accreditata a cambiar passo ad essere Sindaco e non Podestà. Il consigliere G. De Stefano che in C.C. è uno dei pochi che va in abito di circostanza e con cravatta, d’inverno come d’estate e lo sarà l’11 agosto p.v. per chi avesse voglia di sincerarsene, egli avrebbe chiesto scusa, ma anche il prestito di un pantalone per continuare il pranzo con gli amici, nel rinomato locale. Non sarebbe andato via per poter dire d’aver cenato meglio, ma avrebbe continuato il pranzo nel club per far conoscere la sua arte culinaria e l’incantevole visione della marea di natanti della nautica viareggina , di cui lui nel suo intimo non è fiero quanto dovrebbe. G. De Stefano consigliere del gruppo misto

Post a new comment

*